Il Ponte

Le magnifiche sette del food service. Start-up innovative al Sigep di Rimini

by


Le “Settebellezze” del food service giovane italiano in passerella al Sigep di Rimini. Ingredienti speciali, servizi e sostenibilità protagonisti assoluti della Start-Up Area nel padiglione A7 della Fiera di Rimini, dal 21 al 25 gennaio.
Le sette start-up italiane in questione sono state selezionate da Italian Exhibition Group insieme a ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, e sono pronte ad incontrare il mercato.
Un esempio? Ecopod è una soluzione sostenibile per la produzione delle tre tipologie di cialde e capsule in commercio: migliora i macchinari utilizzati dalle torrefazioni utilizzando sia i materiali attualmente in uso sia quelli di nuova generazione, compostabili, producendo uno scarto minimo nelle lavorazioni. Ecopod è un prodotto di Compopack, azienda di Ozzano dell’Emilia che punta sulla sostenibilità.
Altri ambiti percorsi dalle start-up selezionate per fare parte dell’area espositiva a più alto tasso di novità di SIGEP 2023 sono innovazione e ricerca orientate a fornire risposte efficaci alle nuove sfide che il comparto del fuori casa offre in termini di prodotti e ingredienti, e servizi e soluzioni di digitalizzazione e naturalmente di sostenibilità.
Biosource, azienda anconetana, attraverso Quaba, nata come società benefit, punta ad esempio a migliorare i consumi idrici con soluzioni business to business per la produzione di acqua filtrata, fredda, liscia e gassata, direttamente nei punti di consumo (casa, in ufficio o al ristorante) per non dover più ricorrere all’uso di bottiglie di plastica.
Parte dall’alimentazione la maceratese Nutras, per presentare alla Fiera di Rimini un integratore per digerire il lattosio, distribuito in confezioni monodose e vendibile singolarmente: Lactosolution. Si tratta di un prodotto brevettato ideato appositamente per il mondo Ho.Re.Ca. Una sola compressa, commercializzabile direttamente in pasticceria o gelateria, permette ai clienti intolleranti di gustare in sicurezza i preparati contenenti lattosio e agli avventori, di proporre un servizio innovativo, eliminare prodotti lactose-free e aumentare lo scontrino medio.
Passando alle start-up che erogano servizi per gli operatori del fuori casa, Lokky spicca per la consulenza di brokeraggio assicurativo, completamente digitale, offerta a piccole imprese, professionisti e freelance grazie a tecnologie innovative nell’ambito degli smart analytics, machine learning e data enrichment; l’algoritmo proprietario permette all’azienda milanese di proporre ai clienti solo coperture rilevanti e personalizzate e di tutelare attività professionale, patrimonio, clienti e collaboratori, senza costi superflui.
Con sede nel capoluogo lombardo, AiGot si dedica allo sviluppo, produzione e commercializzazione di software per l’automazione, l’apprendimento automatico e l’uso dell’intelligenza artificiale e, con Restaurants Club, propone uno strumento di marketing basato sull’IA che permette al ristoratore di aggiornarsi in tema di comunicazione e marketing in modo semplice ed efficace grazie a una piattaforma che riunisce tutti gli strumenti per creare awareness nel web, gestire e fidelizzare una solida base clienti.
La digitalizzazione e la semplificazione dei pagamenti è il cuore di Easylivery, start-up di Milano che impiega una tecnologia basata sui QR code per la gestione degli ordini e dei pagamenti, direttamente dallo smartphone dei consumatori, con funzione di cassa fiscale grazie all’invio automatico dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate.
QR code based anche la soluzione proposta dalla bresciana Qodeup per pagare le consumazioni al ristorante in pochi secondi scansionando il conto, con accredito diretto da smartphone. Uno strumento utilissimo per ottimizzare il turnover dei tavoli, aumentare lo scontrino medio e migliorare l’organizzazione del lavoro del team del locale.
Tecnologie, stimoli e intuizioni innovative del food per sviluppare prodotti per l’industria del dolce artigianale, a livello nazionale e internazionale.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!