Il Ponte

Un bonus ai 110 che abbatte le barriere

by

Ricordate quando, alcuni anni fa, era sceso in strada il limite di velocità alla percorribilità delle autostrade, ponendo tale limite a 110 chilometri orari? Le forze politiche che tanto si erano adoperate per tutelare la sicurezza degli automobilisti, a seguito di forti pressioni popolari, furono poi costrette ad una brusca revisione, innalzando il limite a 130.

In questo momento storico in cui l’opportunità di un rilancio dell’economia passa anche attraverso i Bonus fiscali in opere edili ed impiantistiche, si ravvisa la necessità di superare le barriere alla velocità del 110%. Per essere tutti trainati oltre i “muri”.

Occorre considerare tra gli interventi “trainati al 110%”, con credito d’imposta in detrazione o cedibile o con sconto in fattura, anche quelli per il superamento e abbattimento delle barriere architettoniche, che il bonus ristrutturazioni prevede attualmente solo al 50%.

In questo senso si sono registrate le voci degli addetti ai lavori, prima fra tutti il Presidente di A.N.G.L.A.T., Roberto Romeo: “Il bonus al 110 per cento introdotto dal decreto legge n.34 appare incompleto, in quanto mancano, tra le misure collegate a quelle trainanti, proprio gli interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche”.

Chi ha recepito la richiesta delle associazioni e delle famiglie, è l’Ing. Manuel Casalboni, Vice Presidente Vicario dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma. Orgogliosamente riminese di nascita, Casalboni si è poi spostato a Cesena e da qualche tempo a Roma per motivi professionali. Carte alla mano, ha studiato allo stato attuale la situazione del Bonus nel caso delle barriere. Il “110‰” prevede che per affrontare le spese per l’adattabilità o la visitabilità o la fruibilità dell’immobile, si possono utilizzare le seguenti agevolazioni: un contributo a fondo perduto, erogato dai Comuni; oppure una detrazione/cessione del credito d’imposta del 50%, attraverso anche lo sconto in fattura, della restante parte dei lavori.

“Questi strumenti hanno trovato buona applicazione per lavori all’interno delle unità immobiliari degli aventi diritto, – avverte l’ingegner Casalboni – ma hanno incontrato difficoltà nell’applicazione delle parti condominiali in cui l’impegno di spesa è a carico di tutti i condòmini. Non è quindi per scarsa volontà che le suddette barriere non vengono superate o abbattute ma solo un fenomeno legato alle scarse risorse economiche del territorio ‘condominio’”.

Altra questione di grande importanza è fornire un contributo a coloro che volendo affittare i loro immobili a disabili, tra i quali una maggioranza è composta da anziani, trovano difficoltà economiche per l’adeguamento di queste unità immobiliari.

Si potrebbe fare qualcosa, e cosa si potrebbe fare per “cambiare marcia” e passare dal 50% a 110%?

“L’ipotesi più plausibile – prosegue Casalboni – è quella di aggregare in modalità ‘trainata’, all’intervento trainante Ecobonus 110%, quegli interventi relativi al superamento e abbattimento delle barriere architettoniche dell’articolo 9 della Legge 9 gennaio 1989, n.13 così come modificato dall’articolo 2 della Legge 27 febbraio 1989, n.62”.

Ciò condurrebbe sia ad incentivare l’adeguamento delle unità immobiliari per una fruibilità completa, sia all’azzeramento degli ostacoli economici ‘condominiali’, per gli interventi a favore della disabilità sulle parti comuni e sia ad un ulteriore impulso di efficientamento energetico nazionale sulla spinta degli interventi anzidetti.

Un emendamento che pare recepire queste richieste con aggiustamenti, è stato presentato in Parlamento la settimana scorsa. Le forze politiche possono trovare a riguardo un ragionamento efficace? La parola passerebbe poi alle competenze dei tecnici e successivamente alle capacità delle imprese.

E gli ingegneri? “La materia ci investe pienamente nelle competenze all’eliminazione delle barriere architettoniche, aventi a oggetto ascensori e montacarichi (per esempio, la realizzazione di un elevatore esterno all’abitazione) e alla realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia idoneo a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone con disabilità gravi (ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge n. 104/1992)”.

L’emendamento per estendere il bonus 110% all’abbattimento barriere architettoniche è stato presentato dalla senatrice Tiziana Drago. “La modifica proposta rappresenta un indubbio vantaggio per le persone con disabilità che sono inabili al lavoro e dunque, prive di reddito, sono incapienti sotto il profilo fiscale e non potrebbero beneficiare delle detrazioni ordinarie per i lavori di adeguamento delle loro case per l’abbattimento delle barriere architettoniche”. La copertura prevista è di 10 milioni per il 2020 e 15 milioni per il 2021. Il vento di cambiamento del Superbonus potrebbe spazzare via molte barriere.

A cura di p.g.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!