Il Ponte

La Romagna nel risotto: il marrone di Castel del Rio IGP

by

Il nostro viaggio tra i prodotti e le preparazioni tipici della Romagna è sempre più autunnale. Con Risotto.us, il portale italiano dedicato al risotto, con oltre 350 ricette facilmente consultabili grazie a un motore di ricerca per ingrediente, vediamo come utilizzare nel risotto le castagne e il nostro marrone di Castel del Rio IGP!

Riso, castagne e marroni

L’impiego più tradizionale di castagne e marroni con il riso è la preparazione della minestra di riso, latte e castagne. Si tratta di una minestra densa e cremosa, che può essere preparata anche con le castagne secche, avendo l’accortezza di lasciarle a bagno per un’intera giornata. Nella versione valdostana, viene servita con una fetta di fontina e messa in forno a gratinare. Il risotto con zucca e marroni, invece, è una preparazione gustosissima e autunnale, che spesso viene insaporita con l’aggiunta del gorgonzola. Un abbinamento piuttosto particolare, è quello del risotto con castagne a fettine e pancetta: il risultato ha sempre il giusto bilanciamento tra il dolce di castagne e marroni e la punta sapida del salume. Lo stesso ragionamento si fa sostituendo la pancetta con il lardo: per accentuare i sapori d’autunno una proposta sfiziosa è quella del risotto con cachi, marroni e lardo.

Pe preparare un buon risotto, il suggerimento è sempre lo stesso: scegliere una varietà di riso della categoria Lungo A o “da risotto”. Se vogliamo un risotto cremoso senza esagerare con la mantecatura, scegliamo varietà come il Sant’Andrea o il Baldo, mentre se vogliamo che i chicchi restino ben sgranati e al dente prediligiamo varietà come il Carnaroli e l’Arborio. Per le minestre, invece, puntiamo sempre su risi della categoria Tondo, come il Balilla e l’Originario, da sempre utilizzati per le preparazioni in brodo.

Il marrone di Castel del Rio IGP

Dal 1985 il Consorzio Castanicoltori di Castel del Rio promuove il recupero e il mantenimento delle “selve castanili”, i boschi di castagno dell’Alta Vallata del Santerno, nell’Appennino bolognese, dove si raccolgono i marroni di Castel del Rio. Questo marrone si distingue perché è più dolce e profumato, dai forti sentori del bosco. Ha anche forma oblunga e pezzatura ben maggiore della castagna (in un riccio ci sono al massimo 3 frutti). La sua buccia scura, inoltre, si asporta con estrema facilità.

Giulia Varetti per Risotto.us

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!