Il Ponte

Addii

by

Editoriale Ariminum

n. 4 luglio – agosto 2020

«Soppesa, quindi, speranza e paura, e quando tutto sarà incerto, favorisci te stesso: credi a ciò che ti fa bene. Anche se il timore avrà più argomenti, scegli la speranza e metti fine alla tua angoscia»: così Seneca a Lucillio. È il monito perfetto per questo tempo infelice e, per troppi, tragico. Ed è l’eredità spirituale che l’impeccabile, elegante grecista Federicomaria Muccioli ha voluto lasciare ai famigliari e agli amici nel giorno del commiato. Da tempo malato, Federico si è spento il 14 maggio a 55 anni, senza mai far pesare la sua condizione agli altri. Al contrario, con invidiabile sprezzatura ha scherzato con me fino a febbraio, su un articolo, come sempre magistrale, che ha donato ad Ariminum per il I numero del 2019. Aveva “rischiato” un tempo di diventarne il Direttore. Fortunati i suoi studenti del Liceo Classico “Giulio Cesare” e dell’Università di Bologna che hanno percorso con lui il tragitto che lega l’Emilia-Romagna antica e rinascimentale al Mediterraneo e all’Europa, per giungere fino allo studio del Milindapanha, le domande che il re indo-greco Menandro pose al monaco buddhista Nagasena, fino alla leggendaria abdicazione in favore del figlio per abbracciare (come faranno poi i sovrani bizantini) la rinuncia e l’ascesi. Con Federico organizzammo nel 2016 (Università, Fondazione Cassa di Risparmio, Comune) il grande convegno con cui si è degnamente celebrata la corte artistica e letteraria dei Malatesta, alla vigilia del doppio anniversario di Sigismondo (2017-18).

Altre finestre della meraviglia e dell’intelligenza aveva spalancato, in signorile e garbato silenzio, il semiologo Paolo Fabbri a cui abbiamo detto addio il 2 giugno e che aveva profuso la sua cultura sterminata non solo nel suo insegnamento, nei suoi libri, nelle mostre organizzate in Italia e in Europa, ma nelle straordinarie collane editoriali che curava presso case nazionali e internazionali. Ne beneficò recentemente anche Mario Guaraldi, dando alle stampe saggi minimi e perfetti di Lotman, Uspenskij, De Certau, Lyotard, Baudrillard. Per Molteni fece pubblicare Cieli in cornice, uno studio di Victor Stoichita sulla pittura e la mistica nella Spagna del Seicento. Ringraziai Paolo di cuore, perché permise a me, e ai miei studenti, di leggere in modo profondo anche la pittura di quella «piccola Siviglia nostrana» che era, secondo Francesco Arcangeli, la Rimini del XVII secolo.

Addio amici e maestri, nella speranza di poter mantenere spalancate quelle porte del sapere e dell’intelligenza, a cui Rimini, grazie a voi, si è affacciata per contemplare un mondo più ampio e profondo di quello a cui, ahimè, è abituata.

Alessandro Giovanardi

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!