Il Ponte

Light and Shade

by

È appena uscito il disco di Claudia Berti dedicato al ‘modern classic’ affascinante esempio della produzione pianistica contemporanea  

Sonorità rarefatte e minimaliste, che si fondono con suggestioni legate a temi popolari nordici e a remoti echi barocchi, avvolgono l’ascoltatore e lo catturano con il loro fascino. A evocare queste atmosfere liquide e piacevolissime all’ascolto è una generazione di compositori, nati fra gli anni sessanta e ottanta (successiva, per intenderci, ai Nyman, Sakamoto, Einaudi), che hanno messo il pianoforte al centro della loro poetica. E interprete della loro musica è Claudia Berti, che ha appena inciso Light and Shade – Contemporary piano compositions: un disco, ascoltabile in streaming su Spotify, iTunes, Amazon e su tutti i canali digitali, in cui la pianista propone una rosa di sette autori, per un totale di quindici brani dai titoli fortemente evocativi.

La pianista Claudia Berti - Ph Veronica Bronzetti

Claudia Berti nella foto di Veronica Bronzetti

Fra i compositori selezionati nel cd ci sono i tedeschi Nils Frahm e Max Richter, anche se quest’ultimo ormai inglese d’adozione, gli islandesi Jóhann Jóhannsson e Ólafur Arnalds, lo statunitense Dustin O’Halloran, il francese Julien Marchal, con la serie Insight dove ogni brano è contraddistinto con numeri romani (il XXXIII si può anche vedere in video su YouTube), e l’italiano Andrea Felli: musicisti di formazione rigorosamente classica, che però vanno incontro al pop. Al di là di un successo – molti di questi autori fanno parte della prestigiosa scuderia Deutsche Grammophon – testimoniato dal fatto che le loro musiche vengano utilizzate per colonne sonore di film e serie televisive (vedi il caso di Richter nell’Amica geniale), nessun compositore ha rinunciato alla ricerca sonora e alla sperimentazione. Così, a ottenere sfumature più intime, vengono utilizzati pianoforti, spesso verticali, con microfoni ravvicinati per registrare il rumore delle componenti meccaniche dello strumento, che – anche quando si arriva a soluzioni più estreme – non impediscono mai la comunicatività musicale.

I brani proposti nel disco sono piuttosto brevi, di pochi minuti l’uno. Non deve trarre in inganno la sensazione di scorrevolezza e facilità che si prova ascoltandoli, perché non è una musica facile da eseguire. Claudia Berti si rivela un’interprete ideale di questo genere, che viene definito ‘modern classic’ (o, in modo forse ancor più efficace, ‘classical crossover’), e dove è richiesto un perfetto controllo del tocco e un’accuratissima precisione ritmica, oltre a una totale assenza di enfasi: caratteristiche che ha avuto possibilità di affinare grazie alla sua lunga consuetudine con la tastiera del cembalo (la musicista riminese da tempo divide la propria attività artistica fra pianoforte e clavicembalo). Riesce così a catturare l’ascoltatore con un’esecuzione sorvegliatissima, che a tratti diventa quasi ipnotica, in grado di trasmettere una sensazione di assoluta facilità e naturalezza: frutto, invece, di una precisione millimetrica e una minuziosa cura dell’equilibrio sonoro. Nella sua lettura – non è un dettaglio – il rigore non va mai a discapito della morbidezza e della fluidità del fraseggio: complice anche un raffinatissimo uso della microfonazione, il suono arriva sempre avvolgente e mai meccanico.

L’ascolto riesce a trasformarsi progressivamente in un percorso interiore: del resto, l’incontro fra Claudia Berti e questa musica nasce da una richiesta dell’architetto Fabio Mariani – trasformato in progetto discografico grazie alla lungimiranza del produttore Andrea Felli – che un anno fa aveva invitato la pianista a eseguire queste musiche dal vivo, durante un ciclo di conferenze. Immaginando forse un modo diverso di abitare, dove è prevista anche una dimensione sonora.

Giulia Vannoni

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!