Il Ponte

Il sacro Federico

by

Riferimenti e citazioni di carattere religioso, a volte con tratti popolari e nostalgici, a volte provocatori, con sempre sullo sfondo la matrice cattolica degli anni di formazione giovanile (l’oratorio salesiano, la parrocchia, i preti, le suore, la pietà popolare).

La poetica di Federico Fellini è pervasa di religiosità. Ed è pure presente – con tratti più sarcastici – l’incontro con la realtà “romana” della gerarchia ecclesiastica. Fondamentale la vicinanza ispiratrice della moglie, l’attrice Giulietta Masina, donna di grande spiritualità. Fellini ha frequentato la stessa scuola e lo stesso oratorio salesiano dove il Beato Alberto Marvelli, di cui Fellini teneva sempre con sé un’immagine, si è formato.

Il rapporto tra Fellini e il Sacro: simboli, immagini e parole, è indagato in “Ho bisogno di credere”, suggestivo e multiforme progetto (convegni, mostre, spettacoli, pubblicazioni) che prende il via da Rimini per arrivare lungo la via Flaminia a Roma, con la mostra “Ho bisogno di credere. Fellini e il sacro”.

L’esposizione (inaugurazione sabato 3 ottobre, ore 16, Museo della Città) rivisita l’immaginario religioso nei film di Fellini con le sue contraddizioni e le sue provocazioni: il sassolino del matto (La strada); il pellegrinaggio al Santuario del Divino Amore ( Le notti di Cabiria); la statua di Cristo in volo su Roma ( La dolce vita); il collegio religioso e l’incontro con il cardinale ( 8 1/2); la recita del martirio della Santa ( Giulietta degli spiriti); l’arrivo del Rex ( Amarcord); la sfilata di abiti ecclesiastici ( Roma) e ancora sequenze tratte da Lo sceicco bianco, Il Bidone, I Clown, Casanova, La città delle Donne, La voce della Luna, …Diciotto grandi e suggestivi teli attaverso i quali ripercorrere parte della filmografia del cinque volte Premio Oscar con un particolare grandangolo.

Dopo il Museo della Città, la mostra sarà a Roma, presso la Pontificia Università Salesiana, per ritornare a Rimini, allestita (8 novembre-8 dicembre) presso il centro commerciale Le Befane.

Fellini che si definiva “un artigiano che non ha niente da dire, ma sa come dirlo”, ha lasciato opere ricche di satira e velate di una sottile malinconia, caratterizzate da uno stile onirico e visionario. Le notti di Cabiria diventano così “Il divino amore di Fellini”, la seconda mostra ospitata al Museo della Città (fino al 17 ottobre), e dedicata alle emozionanti fotografie del pellegrinaggio di Federico Fellini al Santuario romano del Divino Amore.

L’editore riminese NdA ha da poco dedicato un interessante volumetto proprio su questo film e le sue immagini.

Il progetto non si ferma. La dimensione religiosa dell’opera di FF sarà indagata in un convegno a Rimini il 10 ottobre dal titolo “L’infanzia del mondo”. In serata, al Teatro Galli, “Fellini e il sacro: dialoghi, testimonianze e musica”. Intervengono: il regista e scrittore Pupi Avati, il teologo Marco Tibaldi e il regista Mauro Camattari. Oltre all’anteprima del Docufilm Ho Bisogno di credere, in scena arie ispirate alle musiche di Nino Rota eseguite dal musicista e compositore Federico Mecozzi

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!