Il Ponte

Gli auguri del Vescovo: Pace a voi!

by

È la sera di Pasqua. I discepoli si trovano nel cenacolo, spaventati e tremanti per la paura dei Giudei. Viene Gesù, si pone in mezzo, al centro dei discepoli e nel cuore di ciascuno, e li saluta di slancio: “ Pace a voi!”. Sono le primissime parole del Risorto alla sua comunità. Ma non si tratta semplicemente di un saluto augurale, abituale per gli ebrei. In bocca a Gesù, pace non è una parola vuota, che dice pura assenza di guerra. È piuttosto una parola piena. Piena di luce, colma di bene, straripante di vita. È la consegna di Gesù che dice e ripete per ben tre volte nel giro di pochi versetti: “ Pace a voi!”.

Il Crocifisso-Risorto è pace. Dei due popoli, gli Ebrei e i pagani, ha fatto “ una cosa sola”. Ha frantumato il muro che li divideva. Non ha abbattuto i nemici. Ha azzerato la reciproca inimicizia. E non fuori di sé, ma “ in se stesso”. Cristo è pace poiché è in relazione di amore – un amore perfetto, incontaminato, incondizionato – con il Padre e lo Spirito Santo.

Quanto a noi, in fondo abbiamo tutti bisogno di stare in pace e di voler bene.

È pur vero che tante (troppe!) volte siamo incoerenti e, nel viaggio della vita, preferiamo andare in contromano, perché vogliamo bene più a noi stessi che ai fratelli, specie ai più poveri. E questo complica tutto a tutti: a noi e agli altri.

Il Crocifisso-Risorto dà pace. Dotato come è di pace, ci ha contagiato una insopprimibile aspirazione alla pace.

Sant’Agostino lo ha detto con una preghiera struggente: “ Ci hai fatti per te, Signore, e il nostro cuore è senza quiete, finché non trova quiete in te”.

Il Figlio di Dio poteva starsene in cielo a godersi la sua pace. E invece si è scomodato, pensando alla nostra umanità irrequieta, egoista e compulsivamente conflittuale. Ha ascoltato il grido del Padre suo, che gli ha detto: “Figlio mio, va’ e riporta la pace a questi miei figli smarriti”.

Il Crocifisso-Risorto vuole pace. E ce ne ha indicato la via. È la via del perdono, della fraternità, del dialogo, dell’accoglienza, della solidarietà. In una parola, la via dell’amore. Ma a Gesù non piace limitarsi a dirigere il ‘traffico terrestre’, solo per aiutarci ad evitare sbandate, sinistri e testa-code.

A lui piace camminare con noi, incoraggiarci quando non ce la facciamo più, rialzarci quando cadiamo, richiamarci con forza e dolcezza quando facciamo gli spiritosi e giochiamo con le armi per metterci paura. E poi rischiamo di sbranarci a vicenda. Ma lui non si dà pace finché noi non troviamo pace.

Auguri cordiali di una Pasqua di pace!

Francesco Lambiasi

Vescovo di Rimini

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!