Il Ponte

RIMINI FOR MUTOKO – FIGLI DI UN DIA MINORE

by

Negli anni ottanta uscì un film di grande successo: “Figli di un dio minore”. Parlava di un tipo particolare di disabilità, quella dei sordomuti; tra le tante possibili mutilazioni questa è oltremodo penosa perché toglie all’individuo l’essenza stessa dell’umanità e cioè la comunicazione.
“Figli di un DIA minore” fa il verso a quel titolo con l’evidente gioco di parole del difetto inter-atriale, ma anche con altri significati. Dal momento che si è malati (o meglio da quando si è consapevoli di esserlo dato che tutti siamo, prima o poi, malati), sorge un immenso bisogno di comunicazione. Il malato è il dimenticato da Dio, quello che non ha santi in paradiso e ha bisogno dei suoi simili, prima per essere capito e poi per essere curato. Non vuole solo guarire, vuole essere curato. Spesso deve farlo da solo e ci riesce.
La malattia è quindi una formidabile occasione per conoscere gli altri, a cominciare da quello straniero che abita il nostro corpo difettoso. Un’occasione che i “sani”, i sani immaginari, ovviamente, vorrebbero rimandare all’infinito.
Secondo Aristotele l’uomo è un animale sociale che deve comunicare, nel senso pieno della parola, mettere in comune. Gli riesce bene con simboli e metafore, segni d’arte che vincono il mutismo del dolore e della malattia. Senza malattia non avremmo avuto Leopardi e Emily Dickinson, Cechov e Kafka , Frida Khalo o Michel Petrucciani. Chi sono costoro? Dei malati artisti e non degli artisti malati. Sono difficili e sconosciuti? Allora sentite cosa dice un altro che la pensa così:

Gli occhi non sanno vedere quello che il cuore vede. 
La mente non può sapere quello che il cuore sa. 
L’orecchio non può sentire quello che il cuore sente. 
Ma i miei difetti sono tutti intatti.
E ogni cicatrice è un autografo di Dio 
nessuno potrà vivere la mia vita al posto mio.
E’ Jovanotti, non un intellettuale invasato. Difetti piccoli o grandi, Dio maggiore o minore non conta. Qualcuno deve mettere la firma su quell’opera d’arte unica, difettosa speciale e irripetibile che è la vita.

Gabriele Bronzetti

FONDAZIONE MARILENA PESARESI
ONLUS
Sede Legale: Via Fratelli Cairoli, 69 – 47921 – Rimini (RN) – Italy – C.F. 91134940401
e-mail: segr.fond.marilenapesaresi@gmail.com – sito internet: www.fondazionemarilenapesaresi.org

Sabato 4 novembre 2017 ore 21
Teatro degli Atti
Via Cairoli, 42 – Rimini

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!