Il Ponte

Im-Pari, la discriminazione finisce in artistico fuorigioco

by


Laboratori di scrittura, di fumetto, di cinema d’animazione, di teatro e arte per diffondere nei giovani la cultura delle diversità e della non discriminazione. Sono più di cento i ragazzi che in Valmarecchia partecipano alle attività del progetto “Im-Pari. Per una educazione al rispetto della parità di genere”, lanciato nei mesi scorsi dalle ACLI provinciali di Rimini e dal Coordinamento donne ACLI e finanziato dalla Regione con l’obiettivo di promuovere le pari opportunità e di contrastare le discriminazioni e la violenza contro le donne.
I laboratori, guidati da un gruppo di professionisti delle varie arti, coinvolgono diverse scuole e centri giovani di tutta la vallata. Partecipano bambini e ragazzi italiani e di altre nazionalità, tutti residenti nei borghi e nelle campagne della Valmarecchia, di età dai 9 ai 18 anni. Alla scuola elementare di Villa Verucchio si tiene il laboratorio di scrittura creativa per i bambini di quinta, mentre a Secchiano gli alunni di quarta e quinta partecipano a quello di fumetto. Gli studenti di terza della scuola media di Verucchio prendono parte al laboratorio di cinema d’animazione. Per i ragazzi più grandi ci sono invece il laboratorio di movimento e drammatizzazione alla scuola di formazione della Fondazione Valmarecchia di Novafeltria, e quello di songwriting al Centro di aggregazione giovanile di Pietracuta.
Il focus delle attività sono il rispetto e la lotta alla violenza contro le donne, che diverranno il filo conduttore dei cortometraggi animati, dei video, dei fumetti e degli altri elaborati che saranno realizzati dagli studenti. L’incontro con i professionisti diventa così per i ragazzi un’occasione per confrontarsi sul tema della diversità e della violenza di genere, ma anche per dare forma a pensieri, conflitti, aspettative, ripensare al rapporto con le persone che li circondano. Tutta l’esperienza confluirà in un docufilm e i prodotti finali dei vari percorsi creativi saranno raccolti online.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!