Il Ponte

Sostenibilità e fratellanza. Per un futuro insieme

by

Ciò che soprattutto in questi giorni anima il dibattito socio-politico-economico, ma anche i comuni discorsi tra amici o colleghi, è senz’altro la cosiddetta ripartenza. Dentro a questa dizione, che certamente è una semplificazione della complessità del momento, si cela una quantità di interrogativi e proposte. A livello pubblico c’è chi procede a colpi di slogan, auspicando un incentivo alla propria leadership e c’è chi mette in campo studi e risorse, umane ed intellettuali, per disegnare un progetto.

In questa incertezza è ormai chiaro che non si tratta soltanto di misure politiche da porre in campo al momento, ma di mettersi a pensare ad un mondo insieme, nell’ottica indicata da Papa Francesco: “Peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla”.

Rimangono gli interrogativi su come gestire emergenze sanitarie e convivenza sociale, nel contesto di una libertà che si credeva acquisita: ma quale libertà? E come vivere la dialettica tra democrazia e autorità?

Nello spazio limitato, talora “confinato” in cui siamo vissuti, abbiamo però chiaro che sperimentiamo la connessione con l’altro, siamo dipendenti da lui. È una nuova caratteristica dell’avverbio “insieme”, su cui grava il senso dell’altro ritenuto come potenziale vettore di contagio, ma che è anche, al contempo, oggetto di un desiderio, di una nostalgia del contatto fisico.

Il sociologo Mauro Magatti afferma, nel libro scritto con la professoressa Giaccardi, Nella fine è l’inizio, che possiamo parlare di “interindipendenza”, di libertà e legame ormai inscindibili, in un tempo in cui il Covid ha annullato la contrapposizione noi-voi.

La “responsività”, di cui parla Magatti, viene così a delinearsi come la necessità di uscire dall’equivoco del nostro tempo che pensa la libertà senza responsabilità. Questa è qualcuna delle parole chiave che usa per mostrare la via di un futuro insieme possibile e nuovo, non solo sul piano delle relazioni individuali, ma nell’ottica di un bene comune che non sia la somma di interessi ed egoismi individuali o di gruppo.

Sentiamo molto parlare di sostenibilità. La pandemia ha evidenziato in modo accentuato che il progresso economico dovrà fare i conti con il rispetto dell’ambiente, con la ricerca, con nuovi e necessari usi della tecnologia. Saranno queste alcune possibili domande da porre al professor Magatti: prospettive economiche, resilienza, nuove tecnologie e la prospettiva di futuro delle nuove generazioni, per tornare a pensare un mondo possibile.

Mauro Magatti è sociologo ed economista. È stato preside della facoltà di Sociologia presso l’Università Cattolica di Milano, dove insegna Sociologia e Analisi e istituzioni del capitalismo contemporaneo. È un apprezzato editorialista del «Corriere della Sera» e di «Avvenire», ha pubblicato numerose monografie e saggi su riviste italiane e straniere. È intervenuto a varie edizioni del Meeting.

A lui ci rivolgiamo per essere aiutati ad elaborare una prospettiva di futuro personale e sociale che non sia di frustrazione o di rabbia, ma di una nuova, possibile solidarietà.

Mirna Ambrogiani
Servizio diocesano per il Progetto Culturale

Il sociologo Mauro Magatti , interverrà in una conversazione pubblica online mercoledì 28 aprile, ore 21, su piattaforma Zoom (ci si può collegare anche dal sito www.ilponte.com), sul tema “Sostenibilità integrale e fratellanza universale. Per un futuro insieme”. L’incontro è promosso dal Servizio diocesano per il Progetto culturale.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!