Il Ponte

I primi ospiti stranieri

by

Alla Rocca Brancaleone di Ravenna concerto della Budapest Festival Orchestra diretta da Iván Fischer, solista il soprano Anna Prohaska   

RAVENNA, 1 luglio 2020 – L’idea è quasi di normalità, se non fosse che gli orchestrali quando arrivano sul palco della Rocca Brancaleone hanno tutti la mascherina – per poi togliersela subito – e si dispongono a distanze inusuali, ciascuno solo davanti al proprio leggio. Così funziona in tempi di (post?) Covid 19. Ma è già un grande risultato. Il concerto della Budapest Festival Orchestra, unico insieme strumentale straniero ospite del cartellone (nelle precedenti serate sinfoniche ha suonato invece la Cherubini), riporta a quei confronti internazionali che da sempre hanno impreziosito il festival ravennate: un altro elemento di rassicurante normalità.

Il direttore Iván Fischer ©Marco Borggreve

Sul podio Iván Fischer, che di questa orchestra è stato il fondatore quasi una quarantina di anni orsono: uno dei migliori direttori oggi in circolazione, anche se in Italia non gode forse della notorietà che meriterebbe. Il maestro ungherese ha concepito un programma accuratamente calibrato e dalla forte valenza simbolica, che accostava il tedesco Wagner all’inglese Britten e all’austriaco Haydn, quasi a sottolineare un’ideale dimensione europea del grande patrimonio musicale.

La serata si è aperta con lo splendido Siegfried Idyll, il poema sinfonico – nella versione originale per piccola orchestra – che Wagner scrisse nel 1870 per la moglie Cosima in occasione della nascita del loro figlio Sigfrido. L’atmosfera avvolgente e il progressivo accrescersi d’intensità della musica, con quei fremiti sottili che l’attraversano, sono stati valorizzati da Fischer con la massima fluidità e, al tempo stesso, precisione. Il direttore è così riuscito a restituire il carattere intimo della pagina, con una spaziosità di tempi quasi da grande orchestra: un’impresa ancor più meritevole in un luogo aperto e di fronte a un pubblico che – non va dimenticato – era seduto a distanza (inevitabile, odierna, anomalia che purtroppo intacca il valore di affratellamento legato al rito musicale, emozione collettiva che ha bisogno di essere condivisa).

L’incanto si è prolungato con il secondo brano in programma: il ciclo vocale Les Illuminations di Britten (1939), costruito sull’omonima raccolta di versi e prose poetiche del francese Rimbaud. Solista Anna Prohaska, oggi tra le più accreditate interpreti del repertorio antico e novecentesco. Dotata di magnetismo e notevoli capacità espressive, il soprano austriaco è riuscita a catturare l’attenzione dello spettatore sfoderando una consumata abilità d’interprete: bisognava quasi trattenersi per non applaudire dopo lo spettacolare glissando vocale di Marine, così come al termine della quasi conclusiva Parade. Un elogio spetta ovviamente anche a Fischer, che ha saputo dosare alla perfezione le sonorità orchestrali, facendo avvertire nello stesso tempo tutta la consapevolezza operistica che affiora ininterrottamente dalla musica di Britten.

Il programma è proseguito – le norme attuali non consentono intervalli – con l’esecuzione della Sinfonia in re maggiore n. 104, l’ultima scritta da Haydn e nota come London (perché la première fu nel 1795 a Londra). Oltre a sottolineare l’inesauribile ricchezza timbrica della celeberrima pagina, Fischer ne ha enfatizzato soprattutto le contrapposizioni fra materiali tematici e colori orchestrali. Una lettura d’incredibile modernità, per niente scontata in un brano di repertorio: da un lato, il direttore sembrava guardare al ruolo cruciale svolto da Haydn nello sviluppo linguistico della grande tradizione classica, dall’altro, sembrava alludere a un più generale clima odierno, segnato da contrapposizioni sempre più forti. Ulteriore elemento di riflessione sul nostro tempo.

Giulia Vannoni

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!