Il Ponte

L’Ippogrifo va in città

by

Ci sono estati che rimangono nel cuore. Quelle degli anni delle medie e delle superiori, ad esempio, quando le vacanze durano da giugno a settembre, e le giornate passano tra uscite con gli amici, esperienze formative ed escursioni e visite a luoghi che formeranno il nostro carattere. E’ la natura, la vita all’aria aperta il filo rosso che lega queste avventure.

Sembrerebbe quasi superfluo dirlo, ma oggi non è così scontato. Se di norma i ragazzi, dai 13 anni in avanti passano molte ore in casa, quest’anno, con l’emergenza Coronavirus, la tendenza si è accentuata ancora di più, col rischio di perdere una parte importante della preadolescenza.

“Per i genitori è facile coinvolgere i bambini quando sono ancora piccoli in attività sportive e ludico creative, mentre, crescendo, i ragazzini si allontanano sempre di più sia dalle attività sportive che dai contenitori sociali e si isolano sempre di più, a maggior ragione con quello che è successo quest’anno afferma Mariagrazia Squadrani, presidente associazione Ippogrifo – I ragazzi di quella età (l’età delle medie) devono lavorare sulla loro identità, e hanno bisogno di stare in un luogo non giudicante, dove si sentano tranquilli; e in natura, con gli animali, questo succede sempre”.

Il Centro Ippogrifo, sulle prime colline di Rimini, è una vasta area che comprende vigneti, un maneggio, boschi, aree di gioco e altri spazi all’aperto gestito dall’associazione Ippogrifo che, tra le numerose attività proposte, gestisce anche un centro estivo.

Particolarità di questo centro è la proposta, per i ragazzi dell’età tra i 12 e i 15 anni, di un progetto chiamato l’Ippogrifo va in città.

“È un progetto, sviluppato in rete con altre associazioni, di educazione outdoor, in natura, per consentire a questi ragazzi un’esperienza unica – dice Antonio Natoli, educatore e presidente dell’associazione EduAction – Cerchiamo di lavorare sull’autonomia, sulla responsabilità e sulla ricerca della propria identità”.

L’Ippogrifo va in città è un progetto itinerante che porta i ragazzi in giro in bicicletta per la città di Rimini e il circondario alla scoperta di luoghi, delle attività del territorio, della storia e molto altro.

“ Siamo itineranti – continua Antonio – il programma è soggetto a continui cambiamenti sulla base delle scelte del gruppo. Ci muoviamo in bicicletta. La base è alle scuole Lambruschini a Rimini, vicino al parco Marecchia, ma poi tutto si svolge attraverso gli spostamenti in bicicletta”.

“Il nostro obiettivo è quello di stare bene con i ragazzi aggiunge Simone Morri, educatore – Organizziamo le attività in base a quello che ci piace fare, e questo è il modo migliore per trasmettere la bellezza delle cose ai ragazzi.

In questo percorso ci immaginiamo di essere al loro posto: cosa li può divertire, cosa li fa star bene, e nel contempo cerchiamo di mettere dentro dei contenuti, come la conoscenza del territorio, i lavori, la storia, e allo stesso tempo cerchiamo di trovare degli spazi in cui loro possano conoscere delle realtà importanti nel nostro territorio”.

Quest’anno, tra le tante attività, il centro ha portato i ragazzi a conoscere gli ospiti del centro di accoglienza Casa Don Gallo gestito da Casa Madiba.

“È stata un’attività che abbiamo preparato come scambio continua Simone – I nostri ragazzi sono andati a conoscere alcuni ospiti della casa e hanno ascoltato le loro storie: hanno immaginato il viaggio che hanno fatto per arrivare in Italia; gli hanno chiesto perché sono partiti e hanno discusso di questi temi. Allo stesso tempo, i ragazzi volevano dare qualcosa in cambio delle loro storie, e hanno deciso di portare la piadina”.

Le parole, l’incontro con gli ospiti di Casa Don Gallo è rimasto vivido nella memoria dei ragazzi che lo ricordano con affetto.

“Mi è rimasto impresso il fatto che prima vivevano storie difficili, in povertà, ma ce le hanno raccontate senza peso e senza problemi” racconta Yang Trivelli, un ragazzo che ha partecipato all’incontro.

Un altro ragazzo, Nicola Mussoni, aggiunge: “ Mi ricordo che quando siamo arrivati sono usciti due ragazzi. Uno si è seduto di fianco a me, e ha cominciato a parlare. Mentre ascoltavo la sua storia ero teso, mi veniva da commuovermi. Dopo abbiamo fatto la piadina e ci hanno ringraziato”.

Sorridono i ragazzi mentre ripensano alle esperienze vissute. Ricordano non solo le cose belle e i luoghi visitati, ma anche la fatica dei lunghi tragitti in bicicletta, il caldo, le attese, e alla fine cominciano a rendersi conto che è la somma di tutti questi vissuti che parteciperà a comporre la loro futura personalità.

“È bello perché vedi cose nuove e fai esperienze che non hai mai fatto – conclude Yang – Impari anche a rispettare le cose degli altri e a stare assieme agli altri”.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!