Il Ponte

La primavera esordisce con freddo e neve

by

La nostra Regione risente degli effetti di fredde correnti settentrionali che dal Mar di Norvegia si tuffano nei bacini di ponente, rinnovando più volte l’instabilità sotto forma di annuvolamenti talora più consistenti alternati a schiarite e nuclei di precipitazioni sparsi con caratteristiche anche nevose. Il tutto viene confermato dall’approfondimento di un vortice di bassa pressione formatosi nel Mediterraneo, che nel tragitto lungo lo Stivale, richiamerà in più occasioni dei fronti freddi perturbati verso l’Emilia-Romagna.

Da queste bande nuvolose, però, non otterremo sempre lo stesso risultato, così come non riceveremo un peggioramento diffuso, ma bensì saremo interessati da un tipo di tempo piuttosto variabile, dove la fase più perturbata viene prevista a cavallo tra sabato e domenica. Ma se da una parte le tre perturbazioni che verranno pilotate dalla circolazione ciclonica ci coinvolgeranno solo limitatamente, dall’altra, l’aria fredda proveniente da Est che contribuirà ad alimentarlo, intensificherà gli stessi fenomeni mantenendo attive delle condizioni decisamente invernali fino agli inizi della prossima settimana.

Venerdì: cieli da poco a parzialmente nuvolosi per nubi sparse e irregolari che potranno risultare temporaneamente più consistenti sulle aree centro-orientali della regione, lungo le coste e sulla fascia appenninica. Foschie in prima mattinata nel ferrarese. Potranno verificarsi sporadiche precipitazioni di scarsa consistenza, più probabili sulla bassa Romagna nella prima parte della giornata, dove potranno essere localmente nevose raggiungendo le quote collinari dell’entroterra appenninico nel corso della notte o prima mattina. La quota neve poi tenderà a salire sino a quote di 700/800 metri durante la giornata. Nel tardo pomeriggio tendenza ad un rapido rasserenamento su tutto il territorio regionale.

Sabato: cieli inizialmente sereni sulla maggior parte della regione, ma con maggior coperture nuvolose sin da subito sulla bassa Romagna e con tendenza ad un rapido aumento della nuvolosità in estensione da Est verso Ovest. Nel corso del pomeriggio nuclei precipitativi potranno raggiungere i settori emiliani e il rispettivo tratto appenninico con precipitazioni nevose che dapprima potranno spingersi sino a 500-600 metri. Entro sera le precipitazioni potranno distribuirsi in maniera irregolare anche sul tratto appenninico centro-orientale con tendenza a divenire localmente moderate e quota neve in diminuzione fino ai 200/300 metri.

Domenica: cielo inizialmente nuvoloso lungo i rilievi con nevicate nella notte sulle valli appenniniche romagnole fino a quote molto basse. Fenomeni in esaurimento nella prima mattinata con qualche fiocco possibile su parte della Valconca e sulla propaggine valliva dell’Appennino marchigiano-romagnolo. Ampi rasserenamenti già dalla mattinata si estenderanno su tutta la regione.

Temperature: in ulteriore diminuzione fino a risultare a fine periodo con minime tra i -2 gradi della pianura piacentina e i 4 gradi della costa; massime generalmente tra 8-9 gradi. Probabili gelate estese al mattino sulle aree centro-occidentali. Venti: prevalentemente deboli variabili sulle pianure più occidentali. Tendenti al rinforzo su tutta la regione da nord-est con raffiche da moderate a forti tra mare e coste e lungo i rilievi. Mare: in prevalenza mosso, sino a divenire da molto mosso ad agitato con possibili mareggiate sui litorali della Romagna meridionale.

Previsioni a cura di Roberto Nanni

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!