Il Ponte

Il Vescovo affida don Giorgio all’intercessione di don Oreste

by

Don Giorgio Dell’Ospedale, parroco degli Angeli Custodi di Riccione, è stato contagiato dal Coronavirus. Dopo alcuni giorni in cui le sue condizioni sono rimaste stabili ed era  lo stesso sacerdote a rassicurare amici e fedeli, martedì si è registrato un improvviso peggioramento del quadro clinico. I medici hanno così deciso di trasferirlo dal reparto infettivi alla terapia intensiva dell’ospedale ‘Infermi’ di Rimini. Il parroco dei SS. Angeli Custodi è ricoverato da venerdì scorso dopo essere risultato positivo al coronavirus.
Il Vescovo di Rimini ha dunque affidato don Giorgio (nella foto con Paolo Cevoli ad una mostra) a don Oreste Benzi, in una lettera diffusa in Diocesi.
Di seguito, il testo della lettera scritta da mons. Francesco Lambiasi.

PER DON GIORGIO DELL’OSPEDALE
Miei carissimi tutti,
ieri sera è stata diffusa la notizia di un aggravamento delle condizioni di salute del nostro caro don Giorgio dell’Ospedale, ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’Infermi di Rimini.
Con questa mia, vengo a chiedervi di pregare e di far pregare per ottenere la grazia della sua guarigione, affidandolo alla intercessione del Servo di Dio, don Oreste Benzi, come abbiamo già fatto a suo tempo per il caro don Alessio.
E come in quella occasione, permette timi di richiamare il senso e il significato di questa preghiera.
Gesù ci ha detto: “Se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà”.
Noi professiamo di credere in “Dio Padre”. Possiamo pensare che Dio se ne stia lassù, ad occhi asciutti, lui solo senza tremare, fremere, piangere per i suoi figli?
Gesù in croce ci ha rivelato l’immagine autentica di Dio, il volto originale del Padre-Abbà. Il Crocifisso non scende dalla croce, non invoca una legione di angeli per incenerire i suoi crocifissori. Lui è l’unico veramente innocente nella storia dell’umanità, e resta innocente fino alla fine. Solo così può salvare tutti i responsabili della sua crocifissione. Davvero tutti: mandanti, esecutori e complici di quell’orrendo delitto. Proprio tutti, anche noi.

Certo, Dio è Amore. Ma non l’Amore che può fare quello che vuole degli uomini. Al contrario gli uomini possono fare quello che vogliono dell’Amore: possono accoglierlo e viverne. Oppure negarlo e rifiutarlo. Questa è l’impotenza del Dio onnipotente: è la ‘debolezza’ di amare troppo gli uomini, tanto da consegnarsi a loro senza riserve. Il Dio impotente-per-amore non è il Dio che scodella miracoli a tutto spiano. Ma questo non significa che non li fa più. Significa che Dio è Dio anche quando non li fa.

Allora noi preghiamo Dio Padre con Gesù per don Giorgio, e in questa preghiera ci facciamo dare una mano da don Oreste. Ma il nostro ‘Don’ ci ricorda che il miracolo più grande e più bello che Dio possa sempre compiere è il miracolo della nostra fede. Un miracolo, però, che Dio compie solo se noi collaboriamo con la sua grazia.

Preghiamo dunque, ma senza fare ricatti. Non diciamo al Padre nostro: “Noi ti crediamo se tu fai il miracolo”. Diciamo piuttosto, con umiltà e fiducia: “Noi ti crediamo a prescindere… Ci fidiamo e ci affidiamo a Te, perché tutto è grazia. Ma tu aiuta la nostra incredulità”.

E a te, caro don Oreste, diciamo quello che stiamo dicendo anche a nostra Madre Maria: “Tin bòta, Don!”.

Vi saluto tutti, vi porto nel cuore, vi benedico con grande affetto.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!