Il Ponte

Il principe dei restauratori con Rimini nel cuore

by

Il 10 settembre si è spento nel sonno, all’età di 89 anni, Ottorino Nonfarmale: il restauratore di fiducia della Soprintendenza alle Belle Arti di Bologna, “il più capace e sensibile del mondo”, secondo Cesare Gnudi e Andrea Emiliani, che lo stimavano moltissimo, “il più grande dei restauratori italiani”, come ha scritto Vittorio Sgarbi. A lui si debbono i restauri più importanti e impegnativi eseguiti specialmente in regione: quelli dei grandi cicli di affreschi del Trecento e del Quattrocento, delle bolognesi Biennali d’arte antica, delle opere d’arte della Pinacoteca Nazionale di Bologna, compresa la Santa Cecilia di Raffaello.

A Rimini

Nonfarmale ha lavorato molto anche a Rimini e per Rimini, sempre per conto della Soprintendenza: sono suoi gli ultimi restauri degli affreschi trecenteschi di Sant’Agostino, del Crocifisso di Giotto e dell’affresco di Piero della Francesca nel Tempio Malatestiano e, nel nostro Museo, del Crocifisso ligneo tedesco e della Pietà di Giovanni Bellini (quest’ultima insieme a Otello Caprara, altro straordinario restauratore bolognese scomparso alcuni anni fa).

Una fama internazionale

Aveva una fama ”internazionale”: tra l’altro gli spettano i restauri di alcuni portali di cattedrali gotiche in Francia, nelle cui sculture spesso è anche riuscito a individuare, a recuperare e a salvare tracce delle policromie originali; a lui e ai suoi collaboratori era affidato il restauro della facciata della Basilica di San Marco a Venezia, tuttora in corso.

Ma è inutile, e anche impossibile, fare un elenco dei suoi lavori, moltissimi in tanti decenni di ininterrotta e feconda attività, decenni che sono stati di grande dibattito e di grandi interrogativi per quanto riguarda i problemi del restauro, problemi che rimangono sempre aperti, e che lo vedevano attento e partecipe.

Uno studio-laboratorio

Nonfarmale non era bolognese, ma mantovano, e a Mantova ha avuto il suo maestro, il celebre restauratore e pittore Arturo Raffaldini (1899-1962), che ricordava sempre con grande affetto e riconoscenza. Aveva costruito e organizzato un grande studio-laboratorio nella periferia di Bologna, a San Lazzaro, dove gli era possibile lavorare a opere di grandissime dimensioni. In questo laboratorio si sono avvicendati, come aiutanti e come scolari, molti futuri e bravi restauratori, come ospiti interessati molti grandi studiosi, e per le cure indispensabili opere di Giotto, Vittore Carpaccio, Raffaello, Tiziano, Veronese, Reni, Guercino (tra gli altri). Era una persona cordiale e aperta, sempre disponibile a consigliare e a spiegare; e non aveva segreti e ricette miracolose, ma una grande intelligenza pratica e una accorta sensibilità che gli permettevano di superare tutte le difficoltà che ogni serio restauro comporta e inoltre di sperimentare nuovi metodi su tutti i materiali, dalla carta al bronzo. Non teneva conferenze, ma volentieri parlava del suo lavoro e ne spiegava i motivi; non amava scrivere e, anche per le indispensabili relazioni di restauro, si affidava a collaboratori.

Ha firmato pochi scritti a stampa, ma su suoi suggerimenti e descrizioni, sempre molto precise, sono stati redatti da altri (anch’io ne ho scritti alcuni).

Protagonista della cultura

Dunque se ne è andato un altro grande protagonista della conservazione e del restauro, anzi della nostra cultura. Ma ci lascia un bell’esempio di attività e di lavoro, e molte opere d’arte da rivedere e ammirare e soprattutto da recuperare correttamente per la comprensione della nostra storia.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!