Il Ponte

Alice e l’utopia di Rodari

by

Alice Bigli è la fondatrice, insieme a due socie, della Libreria dei Ciliegi, una “istituzione” a Rimini per quanto concerne la lettura e le attività ad essa collegata. Socia per quindici anni, con essa Alice ha vinto nel 2013 il premio Andersen per la promozione della lettura.

Dal giugno 2008 progetta e organizza il festival Mare di Libri – Festival dei ragazzi che leggono, il primo ed unico in Italia dedicato ad un pubblico adolescente.

Esperta di pedagogia della lettura e di letteratura per ragazzi, poteva Alice non confrontarsi con una figura come Gianni Rodari, il cui mondo è fantasia educativa e uno sguardo sempre attuale sul bambino?

L’occasione per questo incontro – e approfondimento – è data dal centenario di Rodari, il 23 ottobre prossimo. Un mese prima, intorno al 20 settembre, è in uscita per le edizioni San Paolo La scintilla dell’utopia.

Rileggere Gianni Rodari con i bambini di oggi, il saggio in tre parti con cui la Bigli classe 1977, varesina di nascita ma riminese d’adozione e da molto tempo, ormai – legge e rilegge Rodari e la sua opera.

Utopia in questo periodo di pandemia potrebbe essere ancora più associato a speranza e fiducia, di cui se ne rinvengono poche tracce in questo tempo segnato dal Covid. L’opera e il pensiero di Rodari possono rappresentare un antidoto a questo stato di cose. Rodari consente non solo di immaginare il futuro ma anche di vivere il presente con maggiore speranza.

E rivolgendosi sempre agli adulti e ai bambini insieme, si rivolge alla famiglia come luogo della comunicazione e del racconto.

Il saggio della Bigli regala sorprese nelle parti in cui è diviso.

La prima è la biografia dell’autore: ripercorre vita e opere nei suoi aspetti più significativi.

La seconda analizza l’opera dell’autore di Favole al telefono attraverso dei percorsi tematici che rimettono al centro di possibili percorsi di lettura i grandi valori e le idee di infanzia e società che attraversano i suoi testi: pace, uguaglianza economica e sociale, fratellanza, solidarietà, etica, valore del lavoro, rispetto per l’infanzia, fiducia nel futuro. Riemerge dunque l’utopia di Rodari, intesa come capacità di vedere le criticità della realtà e del presente e immaginare, anche attraverso l’invenzione fantastica, un futuro migliore.

A pochi giorni dalla prima campanella, con il ritorno sui banchi che ha causato – e causa – più di un maldipancia, sarebbe interessante e fruttuoso riscoprire anche l’intellettuale Rodari e la sua idea di scuola, frutto di un’educazione che preveda il coinvolgimento di tutti. Una comunità educante, fatta di studenti, di famiglie e di territorio.

Perché da sola la scuola non si basta. La situazione creata dal Covid lo ha dimostrato.

Ma i germi di utopia seminati da Rodari, sono stati poi raccolti? Ci sono autori contemporanei capaci di proseguire i percorsi di lettura individuati tra i testi di Rodari, e la Bigli li mette in luce nella terza ed ultima parte del libro. Il risultato finale è un piacevole, suggestivo dialogo aperto, da stimolare oggi, tra adulti e bambini sui temi e i valori centrali per l’autore.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!