Il Ponte

Violenza e minori – Giù le mani

by

In Italia, ogni anno, quasi mille bambini sono vittime di abusi sessuali: circa due al giorno. 2016 è stato l’anno del record con 5.383 minori vittime di violenza grave (non solo sessuale), circa 15 al giorno. I dati, elaborati nel Dossier della campagna Indifesa di Terre des Hommes sulla condizione delle bambine e ragazze nel mondo, parla di un +6% rispetto all’anno precedente. In generale, quella della violenza sui minori è una situazione che merita attenzione, anche sul nostro territorio. Ne parliamo con la dottoressa Tiziana Valer, psicologa, psicoterapeuta, responsabile della tutela minori di Rimini dell’Ausl Romagna e referente regionale per Emilia Romagna e Toscana del Cismai (Coordinamento Italiano Servizi Maltrattamento all’Infanzia).

Dottoressa Valer, lei ci ha fornito i numeri aggiornati  sui minori sottoposti a violenza nel nostro territorio. Può raccontarceli?
“Come avrà visto stiamo parlando di 25 casi. Ci tengo a sottolineare che si tratta di casi gravi, e rappresentano solo l’1% di quelli che trattiamo in un anno, 2500”.

Il dato che salta più all’occhio è quel 92% di violenza che avviene tra le mura di casa, o comunque in un contesto familiare…
“Sì, è così. Un dato che viene confermato anche da quel 44% di casi di violenza assistita”.

Ecco dottoressa, parliamo proprio di questo. Sinceramente sono dovuta andare a verificare a cosa ci si riferisse perché non ne avevo mai sentito parlare.
“Infatti è da poco che viene considerata anche perché i numeri la danno in crescita. A tal proposito il Cismai la definisce come la violenza che si verifica «quando i bambini sono spettatori di qualsiasi forma di maltrattamento espresso attraverso atti di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica su figure di riferimento o su altre figure affettivamente significative, adulte o minori»”.

Vuole farci qualche esempio?
“Penso al caso di una bambino che ha visto uno dei due genitori uccidere l’altro e poi si è a sua volta ucciso. Ma questo è un caso limite, ci sono molte altre situazioni di conflitto, di prevaricazione, comportamenti che possono apprendersi”.

E poi c’è quel 3% di violenza extradomestica: di cosa si tratta?
“Mi viene in mente il caso di un professore di ginnastica. In generale, nella mia carriera mi sono capitati casi di allenatori, insegnanti che hanno a che fare con il corpo, l’allenamento. Più o meno sono queste tipologie”.

Come ci ha detto in premessa, questi 25 rappresentano solo l’1% dei casi, parliamo invece del restante 99%?
“Casi nei quali aiutiamo le famiglie ad affrontare nel modo corretto il loro ruolo di genitori. Persone che non hanno avuto modelli chiari o corretti e che si trovano a non avere gli strumenti giusti, a fraintendere la normale funzione genitoriale, oppure a considerare giusti alcuni attegiamenti che non lo sono per nulla. Diciamo che è un sostegno alla genitorialità da una parte e dall’altra un sostegno al minore inteso come persona da tutelare in quanto tale”.

Come si relazionano le famiglie con voi? Vi vedono come un ostacolo?
“Il primo approccio è diffidente, poi quando si rendono conto che stiamo lavorando per la loro famiglia, per i loro bambini, allora l’atteggiamento cambia, anzi ci ringraziano soprattutto quando hanno capito dove e come hanno sbagliato”.

Capitano gli allontanamenti dalla famiglia?
“Nelle situazioni più difficili si arriva anche a quello ma non è l’obiettivo del nostro lavoro. Noi lavoriamo per sostenere la genitorialità, sempre nel rispetto del benessere del bambino che prima di essere un minore è un cittadino italiano”.

VIOLENZE E MINORI: I NUMERI DI RIMINI
Sono 25 i bambini che nel biennio 2016-2017 sono stati seguiti dai servizi sanitari locali per gravi situazioni di violenza (dati Ausl Romagna per il territorio della provincia di Rimini). Stiamo parlando dell’1% dei bambini in carico alla Tutela Minori, servizio che opera all’interno della Struttura Semplice ”Responsabilità Genitoriale e Tutela Minori” a Rimini. Analizziamo da vicino questi 25 casi.

Quale età?
Di questi bambini, il 36% ha un’età compresa tra 0 e 5 anni, un altro 36% dai 6 ai 10 anni, il 20% tra 11 e 15 anni e l’8% ha età superiore ai 15 anni.

Quali violenze?
Il primato è della violenza assistita, 44%. Stiamo parlando di una forma di abuso minorile che si verifica prevalentemente in ambito familiare, quando un minore è costretto ad assistere a scene di violenza sia fisica sia verbale tra genitori oppure tra soggetti a lui legati affettivamente. Al secondo posto, con il 32% si piazza il maltrattamento fisico, e al 12% sia la violenza sessuale che la trascuratezza grave.

Contesto
Il 92% della violenza viene praticata in un contesto familiare o di convivenza, l’8% in un contesto extra familiare.

Quali problemi ha il nucleo familiare?
Il 24% ha gravi conflittualità, seguito dal 20% di nuclei familiari con problematiche socio educative relazionali e dal 12% di famiglie che si definiscono maltrattanti e con problematiche relazionali. Altri, tutti al 4%, hanno seri problemi penali, psichiatriche e gravi conflittualità.Tra tutti spicca un 12% di nuclei che non hanno nessun tipo di problematiche.

Chi segnala?
Il maggior numero delle segnalazioni arriva dalla Procura dei minori, il 16% dall’ospedale, un altro 16% dalla scuola, un 12% dai genitori, e a seguire con l’8% altri familiari e conviventi, 8% dal settore del provato sociale e del volontariato, altro 8% dal Tribunale dei minori e il 4% dalla comunità di accoglienza.

Angela De Rubeis

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!