Il Ponte

Un progetto per la città

by

Impastati nella società, immedesimati nelle sofferenze e nelle speranze della città, diventandone l’anima, senza privilegi e senza discriminazioni, senza calcoli e senza riserve. È la via dell’impegno “eucaristico” che il vescovo Francesco ha indicato ai cristiani riminesi alla festa del Corpus Domini.
Dare un’anima alla città significa testimoniare una fede che genera una carità operosa e un impegno sociale che non può e non deve conoscere limiti. L’estraneazione e l’assenteismo, il rifugio intimistico nel privato, la delega in bianco non sono leciti a nessuno, ma per i cristiani sono peccati di omissione. I cristiani siano coerenti e competenti.
I laici in particolare, sono chiamati a trasformare in profondità la città dell’uomo in tutti i suoi ambiti. Nulla di ciò che appartiene all’uomo, dalla cultura alla politica, dall’economia al tempo libero, dalla famiglia alla salute è estraneo a chi crede.
Una città diversa è possibile? Certo, purchè sia una città più vivibile per tutti, a cominciare da coloro che sono i più svantaggiati. Una città che sappia farsi carico concretamente delle piaghe che continuano ad affliggerci – e qui il Vescovo in questo momento ha a cuore in particolare il problema della casa, la tratta della prostituzione, l’insufficiente attenzione al pianeta-giovani.
Sarà capace Rimini di essere una città dove si condividono angosce e speranze? Perché i sogni non restino tali, il Vescovo propone che si trasformino in progetti e i progetti in cantieri, i cantieri in opere concrete e tangibili.
Un impegno sociale che dovrà essere accompagnato da una conversione personale. Certo, una strategia del genere non può essere il frutto della logica del profitto a tutti i costi, che è una logica “anti-eucaristica”, perché individualista e disumana che, per questo genera egoismo, produce tensioni e divisioni sociali, allarga la forbice tra ricchi e poveri. C’è bisogno – conclude il Vescovo – di Eucaristia. Questa, infatti, fa sì che i cittadini da estranei gli uni agli altri, da concorrenti gli uni contro gli altri, diventino uguali, solidali e uniti, fino a formare una grande famiglia con un cuore solo e un’anima sola, nella ricerca convinta e costante del bene comune.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!