Il Ponte

Shoah, le iniziative per non dimenticare

by

È possibile attivare il lettore automatico selezionando la parte di testo interessata

“La Shoah gode di una visibilità tanto accecante quanto scarsa è la sua comprensione storica”. La frase dello storico Enzo Traverso ci ricorda quanto vedere non sempre faccia rima con comprendere. L’attualissimo, tristissimo, esempio della Siria è esemplare: quante immagini vediamo provenienti da quel Paese martoriato? Eppure, quanto capiamo di ciò che sta accadendo per agire di conseguenza?
Dunque non venga giudicato ripetitivo il richiamo alle atrocità commesse nei lager. In quei lager si leggono i segni della brutalità umana e della follia omicida. Tutto fu orrendamente reale, possibile, praticabile e praticato. Un baratro.
Nessuno mai si limiti a guardare indietro senza poi guardare all’oggi e al domani, ove si possono annidare altre tenebre in grado di produrre altri guasti disumani. Questo può essere il senso attuale della Giornata della Memoria, istituita il 27 gennaio a ricordo dell’abbattimento dei cancelli del campo di sterminio nazista di Auschwitz-Birkenau.
Testimonianze, spettacoli, film e incontri. E perfino percorsi guidati: il calendario in provincia per non dimenticare in occasione del Giorno della Memoria.
Una commemorazione istituzionale, un recital e un film sulla Shoah. E per le scuole spettacolo al Supercinema e letture della biblioteca. Sono le iniziative per la Giornata della Memoria a Santarcangelo.
Venerdì 26 gennaio al Centro giovani di Santa Giustina (ore 21) va in scena lo spettacolo Parole e musica per raccontare la Shoah, organizzato dall’Anpi di Santarcangelo. Il recital – con l’intervento del professor Maurizio Gobbi e del giornalista Emilio Drudi – presenterà i principali fatti storici legati alla Shoah, insieme all’accompagnamento musicale del trio Nagila ispirato al repertorio musicale ebraico e rom. Sabato 27 gennaio, in due turni dedicati agli studenti dell’Itse Molari (ore 9 e 11), andrà in scena al Supercinema lo spettacolo La stanza di Etty, lettura scenica tratta dagli scritti di Etty Hillesum (morta ad Auschwitz nel 1943, a soli 29 anni) con Liana Mussoni e Angelo Trezza.
Da giovedì 25 a lunedì 29 gennaio alle ore 21,15 proiezione del film Un sacchetto di biglie di Christian Duguay, al Supercinema.
A Montegridolfo l’Associazione “Amici del Museo” il 26 gennaio alle ore 20 apre il Museo della Linea dei Goti e alle 21 proiezione del film Senza destino basato sul romanzo autobiografico di Imre Kertész.
Gli eventi bellici della Seconda Guerra Mondiale connessi alla Linea Gotica Orientale hanno segnato profondamente la storia della Valconca. I Comuni di Montescudo–Monte Colombo, Gemmano, Montegridolfo e San Clemente han deciso di realizzare sedici video grazie al supporto di Icaro Communication: le voci dei ragazzi dell’estate del 1944 in Valconca memoria raccolta e trasmessa alle giovani generazioni grazie al web. “Memorie dalla linea gotica orientale”, questo il titolo del progetto, sarà pubblicato on line in occasione della Giornata della Memoria.
A San Marino, il Centro Sociale di Fiorentino invita la cittadinanza sabato 27 ad accendere un lume sul davanzale in ricordo delle vittime della Shoah (dalle 19 alle 20). Alle 20 dai Portici del Mercato di Borgo Maggiore parte un percorso guidato. Alle 20.30 nella Sala polivalente “Maestra Tonina Pasquali” di Montegiardino proiezione del film Train de vie di Radu Mihaileanu, mentre il Cinema Pennarossa proietta (domenica 28) Hannah Arendt e il Cinema Concordia Il viaggio di Fanny (lunedì 29). Venerdì 2 febbraio al Centro Sociale di Fiorentino Ravensbrück, Vedremo l’erba verde, testimonianze da un campo di concentramento femminile. Lettura scenica a cura di Ute Zimmermann. Alla scuola media statale di San Marino esposizioni, mostre, documentari e incontro con Virginia (Gina)Manaresi, ex prigioniera del campo di concentramento di Bolzano.
Paolo Guiducci

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!