Il Ponte

Pennasso: “Ripristinare il legame tra cose e persone”

by

Non si conserva nulla, senza conoscenza“. Ha esordito con queste parole, Valerio Pennasso, direttore dell’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e relatore del secondo incontro dedicato al “Presente e futuro dell’arte sacra”, organizzato all’ISSR Marvelli di via Covignano.

Con lui, l’architetto Johnny Farabegoli  e Mons. Giancarlo Santi.

“Oggi il più aggiornato orientamento ci porta a parlare di conservazione preventiva e programmata – ha spiegato Pennasso – una vera e propria strategia di medio-lungo periodo che pone l’integrazione delle attività di conservazione e valorizzazione dei beni culturali alla base di un’efficace gestione. In questo modo, si è concretamente orientati alla prevenzione e alla cura costante del patrimonio culturale, secondo un processo di produzione di nuova conoscenza e di informazioni. Insomma, non è possibile slegare i concetti di conservazione, prevenzione, manutenzione, valorizzazione e comunicazione”.

Eppure oggi si tende ancora ad interpretare la conservazione come sinonimo di mantenimento e mera sorveglianza, come un concetto “congelato”, del tutto slegato da concrete misure di rilancio e di valorizzazione.

Su questo, Pennasso: “A me sembra che il nodo fondamentale sia il passaggio dal termine «manutenzione» a quello di «conservazione»: noi abbiamo a cuore la conservazione dell’autenticità materiale. Si cercano differenze e non difetti. Quel che dobbiamo proporci è l’implementazione di una cura fatta di attenzione, prevenzione e corretta gestione: i frutti di tutto questo lavoro sono la produzione di conoscenza, un’educazione più consapevole e lo sviluppo di capitale intellettuale e sociale, inteso come rafforzamento delle relazioni territoriali. Oggi sul portale beweb sono rappresentati i numeri di questa concreta “mappatura”: 224 diocesi coinvolte e oltre 4.000.000 di beni storici e artistici. Non si tratta solo di numeri e di oggetti, ma di racconti di vita, persone, parrocchie. Possiamo incontrare il racconto tangibile delle comunità che ci accolgono e ci fanno scoprire ciò che è loro più caro e significativo. La sfida è quella di amplificare la capacità dei luoghi della cultura di essere occasione di accoglienza e di incontro delle persone, delle culture, delle religioni”.

I beni culturali portano con sé molti valori con caratteristiche diverse fra loro, valori che si possono apprezzare a prima vista oppure scoprire quando ci si addentra in questo mondo vasto e diffuso. Fra i tanti valori, anche quelli pastorali, educativi, funzionali e narrativi, ambientali e paesaggistici che coinvolgono le città e il territorio. Nessuno di questi è prevalente, se non a partire dalle sue funzioni. E passare da un approccio di attenzione agli oggetti e alle cose, ai materiali e alle forme, al loro significato e funzione segna una svolta non soltanto nella conoscenza e tutela del patrimonio ma soprattutto nella valorizzazione.

Pennasso, su questo, ha specificato come il patrimonio culturale, inteso come volàno storico, culturale e sociale, possa rigenerare relazioni positive per l’attualità.

“Dare “valore” ai beni culturali – ha concluso – significa ripristinare il legame tra le cose e le persone, la storia, il paesaggio e la vita quotidiana che costruisce il futuro dei singoli e dei popoli. La vita delle persone e delle comunità locali sta alla base della valorizzazione che, a sua volta, richiede una visione complessiva dei beni culturali e una programmazione attenta per coordinare non solo le risorse all’interno della Chiesa (musei, archivi e biblioteche, edifici sacri o complessi monumentali), ma anche le realtà pubbliche e private presenti sul territorio. Dare valore significa vivere la festa del santo patrono non come una rappresentazione teatrale imparata e ripetuta, ma attesa e cercata perché la memoria della propria vita si intreccia con quella di tutti”.

Clara Castaldo

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!