Il Ponte

Natale in versi: la magia del dialetto

by

Le installazioni dedicate a Flavio Nicolini e i messaggi inediti di Gianni Fucci inviati agli amici. I versi di Baldini e Tonino Guerra, e la novità di Annalisa Teodorani. Fino alla Spoon River in salsa Valconca di Vincenzo Sanchini. Natale è anche una poesia. Un verso caldo o irsuto, un tratteggio o una stretta di mano vergata che i poeti dialettali romagnoli declinano alla loro maniera accompagnando il “compleanno” di Gesù.
Fucci da anni è protagonista di un particolare gesto natalizio: scrive e invia ad una cerchia di amici, una apposita poesia natalizia, condita da un disegnino festoso. Queste liriche sono state raccolte in due volumi da Pazzini editore di Verucchio.
In perfetto stile leopardiano, il poeta clementino si sofferma sull’attesa: la vigilia. “Parché (…) l’è ligrèzza ’d fugh / magari s’un pò ’d nàiva me’ zarbel / e datònda e’ Presepi u s mètt i zugh (…).” Un’attesa che coinvolge i bambini, che già da un anno aspettano il Natale. Ma soprattutto allerta gli uomini in attesa: “Se al robi al va ’d travérs ch’u nspò capéi / e dimpartótt ogdè e’ véin e’ mêl / i bon prinzéipi ancòura i n’ s’è smraéi. Sperémm (e’ vén tra ’d néun e’ Bambinèl!) / che al cativéri agli apa da finéi!” si augura in “Domani è Natale”.
Che la festa non si esaurisca in uno scintillio di luci, ce lo ricorda Augusto <+nero>Stacchini<+testo_band>. Il “prof” di Villa Verucchio ha composto nell’88 l’intensa “Ciamè fradel”. “Nadèl, / un squézz ad gél / ti chémp / ch’i pèr ambiénch. / Nadèl, / un son ch’l’è bèl / t’un scur / ch’u n’è piô dur. / Nadèl, / ciamè fradèl / ma un /ch’l’è nèd tra ’d’nun.”.
Tonino Guerra non ha nascosto la passione per queste calorose festività. “Da piò burdèl a m’ gudéva la faza / quand che l’avnéva la fèsta ’d Nadèl. / Tòota la nòta e’ trutéva la sdaza / e la matéina i m’ daséva ’ sti bèll. / E alòura ad chéursa a scapéva da t’ chésa / ch’andéva in piaza a mètmi in bèla mòstra; / e a mèzdè in péunta ma la tèvla lòstra / che dè u s’ magnéva tòtt in sènta pèsa. / Oh, e’ mi Nadèl, e’ mi udòur d’zambléun (…)”. Quello di Guerra è il Natale 1944, dove l’odore delle ciambelle si mescolava alla contentezza per il vestito bello da mostrare in piazza.
Maura Calderoni ha “scavato” quasi con ansia per anni nella memoria del dialetto come lingua viva. L’autrice bellariese ha firmato tanti calendari storici, riportando proverbi e detti della sua gente. Uno (uscito nel 1998) è dedicato al Natale. “Chi nonz Nadael i n’fóila, dop Nadael i suspóira”. Ovvero: “il periodo della filatura è prima di Natale perché poi cresce il lavoro in campagna e non c’è più tempo”.
Ironico, amaro e all’apparenza irsuto bastiancontrario, Raffaello Baldini è tra i migliori poeti italiani. Nel bellissimo Ad nòta (Mondadori), c’è una poesia che fa al caso nostro. “Ch’un’avnéss mai Nadèl, / i lòmm, la bòba, al machini, la zénta, / ch’u n s pasa invéll, / ’na préssia tòtt, bèvar alzèd, pachétt, / la nèbia, al fazi lòstri di mazlèr, auguri, auguri, chèrti culurèdi, al melarènzi sérbi, agli anèusi, i féigh sécch, ch’i t s mètt tra i dint, / spaàsi, ucèl panéd, tòsa, sgadézz (…). Un ritmo serrato di cose, figure, gesti che si ripetono anno dopo anno, prima e dopo.
Poteva non scrivere del Natale un verace cercatore di radici come Vincenzo Sanchini? “Nadèl”, tratta da L’ ultma név’ (ilPonte), è caratteristica dello stile del poeta di Cerreto. “Fat e’ ba u segn dla cros, / prima fiama la su vos / a di “zòch, zòch, bota fogh”, / po cla roba d chésa e’ cogh. / Trè cadél sla tevla acés, / per chél de e se per chés / u stupìn u s’ inchinéva / vers checdùn, mèl la butéva”.
Un plauso al cercatore di memorie Enzo Fiorentini. “Du ch’a sem? L’età l’imbroja la speranza. / Mo la stela ad Nadel la fa luce ma tot!” scrive l’ottuagenario di Sant’Ermete in “Tla chesa di Nann Nadel”.
Due righe, un sentimento legato all’olfatto. Così la santarcangiolese Annalisa Teodorani descrive la festa in “Par fè Nadèl”, nell’ultima raccolta Sòta la guaza (Il Ponte Vecchio). “Dal vólti par fè Nadèl / e’ basta l’udòur d’un mandaròin”. A volte per fare Natale / basta l’odore di un mandarino.

Paolo Guiducci

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!