Il Ponte

L’amicizia è più forte della prigione

by

C’è chi ha sul comodino l’autobiografia di Henri “Papillon” Charrière (libro accusato anche in passato di non veridicità dei fatti) e c’è chi conosce a memoria la versione cinematografica firmata da Franklin J.Schaffner con Steve McQueen e Dustin Hoffman del 1973, ma le nuove generazioni della storia del galeotto ingiustamente accusato di omicidio e spedito nell’inferno della Guyana francese nulla sapevano ed ecco allora un film nuovo di zecca, con due attori ricordati dai trailer più per i loro impegni televisivi (Charlie Hunnam, visto nel valido ma sfortunato Civiltà perduta, è protagonista di Sons of Anarchy e Rami Malek, prossimo Freddie Mercury nel biopic sui Queen, proviene da Mr. Robot), visto l’interesse dei millenials verso i serial del piccolo schermo.
Papillon riprende con corretta professionalità e respiro classico adeguato, senza raggiungere lo status del predecessore, vero e proprio film di culto per tutta una generazione (rispetto al film del 1973 Noer e lo sceneggiatore Aaron Guzikowski aggiungono prologo ed epilogo, ma il cuore della vicenda è sempre in quel buco di mondo, dove ci finirono ben 80.000 detenuti), la vicenda di amicizia, resistenza e forza d’animo che si sviluppa in quel luogo sperduto, dove i tentativi di fuga vengono puniti con il severo isolamento e per gli omicidi di guardie carcerarie c’è la ghigliottina pronta a scendere sul collo del malcapitato. Alla ricerca di una libertà necessaria quanto difficile da raggiungere, Papillon e Dega diventano amici inseparabili e tra i due scatta una solidarietà che diventa il cuore pulsante della sopravvivenza in un penitenziario dove la parola “speranza” sembra essere sparita dal vocabolario umano a disposizione.

Il Cinecittà di Paolo Pagliarani

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!