Il Ponte

La sfida del matrimonio: un percorso per non essere soli

by

Matrimonio_8929

Fino al secolo scorso, sposarsi era un fatto sociale, di coscienza religiosa e civile. Insomma, era la norma. Arrivati ad un certo punto della vita ci si sposava e si “metteva su” famiglia; i giovani pensavano alle nozze nel solco di quel patrimonio di valori che avevano accolto nella tradizione.
Oggi non è più così, c’è spazio per domande, l’eredità dal passato è stata in un certo senso “sperperata”, le persone e dunque anche l’uomo e la donna, il ragazzo e la ragazza, i fidanzati sono più soli davanti al futuro.
Non tutto è negativo, anzi. Tuttavia la preparazione al matrimonio è una cosa troppo seria per lasciarla solo ai sentimenti.
Per affrontare questa affascinante sfida, e sostenerla insieme ai fidanzati e ai futuri sposi, la Chiesa riminese ha pensato di fare un pezzo di strada proprio insieme ai giovani e alle giovani. Da qui l’idea del Percorso formativo organizzato dall’Ufficio Diocesano per la Pastorale della famiglia, e intitolato “Aquila e Priscilla”, dal nome dei due coniugi giudei convertiti al Cristianesimo e appartenenti alla prima generazione cristiana. Vivevano a Roma dove erano fabbricanti di tende. Di loro si parla negli Atti degli Apostoli e sono venerati dalla Chiesa cattolica come santi.

“Aquila e Priscilla” è pensato come un percorso formativo per sposi, animatori di pastorale familiare e animatori di percorsi prematrimoniali.

Da dove nasce nasce l’urgenza di questo accompagnamento, di questa formazione, di questo percorso? Lo chiediamo a Gianluca Pesaresi, direttore insieme alla moglie Simona, dell’Ufficio Diocesano per la Pastorale della famiglia.

Perché Aquila e Priscilla?
“La preparazione al matrimonio è una avventura tanto bella e tanto seria. Come possiamo dunque affrontare una sfida così impegnativa senza un’adeguata formazione, senza una riflessione ampia sul significato e il valore delle nozze, sugli impegni e le responsabilità che il patto nuziale comporta, sui rischi e pericoli legati al mestiere di genitore? Da qui l’idea di un percorso, un sabato pomeriggio al mese dal 28 ottobre a maggio 2018”.

Qual è l’obiettivo generale di un tale itinerario?
“Ri/scoprire il matrimonio come dono e compito. Luce delle nozze, luce per il mondo.
Gli otto incontri che vengono proposti, abbracciano i fondamenti della relazione coniugale (le decisioni nella coppia, la vocazione maschio e femmina, il dialogo, la relazione sessuale, la lite e il perdono) e i fondamenti della fede cristiana (la figura di Gesù, le fonti storiche che lo riguardano, la croce metro dell’amore, la resurrezione, la Chiesa e il sacramento).

Pesaresi, il tema è impegnativo, il percorso è attraente ma comunque lungo. Si tratta di una proposta per soli addetti ai lavori?
“«Aquila e Priscilla» quest’anno si occuperà della formazione degli animatori dei percorsi prematrimoniali e in particolare si rivolge a coppie di sposi, sacerdoti, religiosi e religiose,diaconi e altre possibili figure che, per mandato delle loro parrocchie o vicariati, svolgono un ministero di evangelizzazione centrato sul carisma della famiglia.
Sono però invitate anche tutte quelle coppie che desiderano fare un percorso di approfondimento della propria vocazione e ministerialità nella Chiesa e nel mondo”.

I destinatari, insomma, sono molteplici. E quale organizzazione avete adottato per dar gambe alla proposta?
“Le lezioni si terranno, un sabato pomeriggio al mese, da ottobre a maggio, dalle ore 15 alle 19; per un totale di 32 ore.
Tutte le attività didattiche si svolgono presso la sede del Seminario Vescovile «Don Oreste Benzi» (via Covignano 259, a Rimini tel. 0541 084418, email: seminariovescovilerimini@gmail.com)”.

Cosa resterà alle coppie una volta giunti al traguardo di “Aquila e Priscilla?
“Alla fine del percorso verrà rilasciato un attestato; occorre aver partecipato almeno ai 2/3 delle ore previste nell’anno e produrre un elaborato alla fine dell’attività”.
Paolo Guiducci

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!