Il Ponte

In hotel nessuno è straniero

by

Gestisce hotel (tre per l’esattezza a Marina centro), non fa beneficenza. E lo fa insieme al figlio Alberto, dopo aver imparato dal padre. In questa catena in cui si intrecciano ospitalità e professionalità, la riminese Lorena ha incontrato A. e G. Aspiravano ad un posto da tirocinanti, dopo aver frequentato corsi di formazione. A. e G. sono a Rimini grazie al progetto Sprar gestito da Comune e Caritas diocesana, Debora Debebe è la loro “madrina”. “Ci siamo guardati negli occhi, io e mio figlio, e ci siamo detti: perché no?”.

A. è entrato lavapiatti, dopo 20 giorni era già finito in cucina come terzo aiuto cuoco, e non per grazia ricevuta. “La sua voglia di apprendere faceva la differenza, la curiosità e la passione” assicura. Un mese più tardi A. è promosso aiuto cuoco. Si destreggia con abilità tra pentole, fornelli e ricette. Ogni piatto vale oro, e ogni cliente è IL cliente, fa conquistare con una lasagnetta o un branzino al sale. Ci mette l’anima, A., in quelle lavorazioni che diventano piatti. E la sua integrazione si insaporisce ogni giorno di più. “Non è il colore della pelle o la religione che fanno la differenza, ma la tua umanità. Di cui ciascuno di noi è portatore sano”. Non tutte le ciambelle riescono con il buco, e per A. come per altri ragazzi rifugiati in cerca di dignità a Rimini, l’italiano è ben più difficile da servire a tavola di un antipasto caldo. “Però noi abbiamo l’opportunità di imparare gratis italiano e inglese” ci scherza su Lorena, l’albergatrice riminese. “La lingua è un ostacolo: per chi vuole vivere in Italia, a Rimini, in Riviera, è necessario potersi esprimere e comprendere la nostra lingua”.

Le storie di A. e G. però parlano a volte più di un discorso nella lingua di Dante. E Lorena si commuove pure ripensando a cosa è piovuto addosso a F. e a tutti gli altri che son passati dai suoi hotel. Li accoglie anche quando non ha posti di lavoro da offrire. L’ultimo caso è quello di D., rimasto senza un tetto. “Con quale coraggio potrei lasciarlo all’addiaccio sapendo che non ha uno straccio di possibilità di trovare un tetto, un piatto caldo e una briciola di amicizia?”. Si crea una rete informale di umanità tra Liliana, il figlio, D. e altri giovani in difficoltà. In più di un caso il dado è tratto: un posto letto, panni da indossare, una parola buona, una stretta di mano.

E in hotel i tirocinanti aumentano. E non di rado – terminato il periodo di tirocinio – vengono assunti, qualora dimostrino le capacità adatte. “A noi interessa che conoscano il mestiere, e ci mettano passione”.

Ogni progetto allestito da Caritas ha un termine, ed è necessario per quella data che i ragazzi accolti possano sostenersi in autonomia. “In questo frangente il lavoro è una emergenza per chi è in Italia con permesso di soggiorno per motivi umanitari: secondo il nuovo Decreto Sicurezza non esisterà più, e chi ne è dotato lo deve convertire con un contratto di lavoro e passaporto. – precisa la Debebe – Chi invece ha avuto il riconoscimento di protezione internazionale non ha questa necessità impellente”. È il caso di S., 20 anni, originario della Guinea. In seguito ad un corso certificato con il Cescot, ha iniziato il tirocinio ed in seguito è stato assunto dallo stesso hotel in cui prestava servizio, quello gestito da Lorena. Ha lasciato piatti e pentole per tornare in patria, ed entrare in possesso del passaporto: ora ha ripreso il posto di lavoro a Marina centro.

Lorena ha cuore. A., pakistano di 21 anni, arrivato a Rimini minorenne, ha stabilito un rapporto di fiducia e di amicizia con l’albergatrice, e lei si è fatta in quattro per aiutarlo a trovare un impiego. Ora A. lavora in un McDonald’s. E un altro ragazzo, ora uscito dal progetto Sprar, è stato assunto. “Non sono una filantropa, – ribadisce Lorena – ma il merito – e una occasione di riscatto – non possono essere condizionati da culturae colore della pelle”.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!