Il Ponte

CINECITTA’ – Quattro tartarughe alla riscossa

by

Raffaello, Michelangelo, Leonardo e Donatello: se evocate questi nomi ad un pubblico di bambini, loro richiameranno le Tartarughe Ninja e non certo gli artisti che il mondo ci invidia. La popolarità delle tartarughe mutanti è indiscussa, ancora oggi funzionano come <+cors>appeal<+testo> su diverse generazioni: ci sono i padri cresciuti a cartoni animati e i figli, più o meno piccoli, affascinati dalle curiose tartarughe golose di pizza. Più ridotto in Italia il numero dei conoscitori delle originali storie a fumetti create da Kevin Eastman e Peter Laird, dalle quali è partito il fenomeno. La nuova avventura cinematografica del quartetto, è la seconda prodotta da Michael Bay con gli ausili della CGI che ha chiamato in regia volta Dave Green, per raccontare una nuova missione dei quattro, impegnati a combattere il super criminale Shredder, evaso durante il trasferimento in un carcere di massima sicurezza, ma anche il perfido “cervello” Krang, oltre che la coppia Rocksteady e Bebop. Tra gli attori umani c’è nuovamente Megan Fox nei panni dell’intrepida giornalista April e Will Arnett nel ruolo del vanesio “Falcon”, e si registra l’entrata in scena di Stephen Amell e Laura Linney, inflessibile poliziotta. La trama risente fin troppo delle soluzioni alla Avengers con una minacciosa arma pronta a distruggere New York, con corollario di teletrasporto. Gli approfondimenti non contano più di tanto, anche se si rimarca l’aspetto di clandestinità delle tartarughe costrette a muoversi nell’ombra vista la loro particolare “natura”. Per il resto vale l’azione, le battute demenziali, le scene animate e fracassone. I bambini si divertono, gli adulti non si entusiasmano particolarmente e i puristi della serie animata storcono un po’ il naso davanti al lussuoso restyling (anche in 3D).

Paolo Pagliarani

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!