Il Ponte

Caffè Scorretto – Salita in sala

by

Bello, è bello. Non discuto le ambientazioni pensate da una firma come Dante Ferretti e l’evidente perizia di chi ha eseguito gli interni del Fulgor di Rimini (che, casomai vi fosse sfuggito, ha riaperto i battenti nei giorni scorsi). E sono perfettamente consapevole che un ambiente di valenza storica va ricostruito cercando di rispettarne dimensioni e planimetrie originarie, che non è che si possono buttare giù i muri, i pavimenti o i palchi a piacimento. Ma rientrando al Fulgor dopo tanti anni, oltre certamente a un doveroso senso di ammirazione per la ricostruzione degli interni, la prima sensazione involontaria che ho avuto è stato un leggero crampo al collo. Memore di quando venivo a vedere i film in questa curiosa sala inclinata verso l’alto. E non è che ci si possono mettere i poggiatesta sulle poltroncine, che questo non è mica un multisala. Cosa ci vuole mettere, pure i poggiapopcorn? Qui è nata la luminosa carriera cinematografica di Federico Fellini che giovinetto vi vide i suoi primi film. In salita. Poi capì girando l’Italia che il cinema è un’esperienza che si può vivere anche in orizzontale. E una volta che hai un grande talento, la strada verso l’Oscar è in discesa.

Il Caffè Scorretto di Maurizio Ceccarini

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!