Il Ponte

The haunting of Bly Manor. Il fantasma della non accettazione

by

Piaccia o meno, siamo nel periodo di Halloween. Anche il panorama delle serie tv, dunque, si adegua cominciando a sfornare diversi prodotti di stampo horrorifico. Tra i più attesi c’è sicuramente The Haunting of Bly Manor, secondo capitolo di una serie antologica pensata e realizzata da Mike Flanagan, regista statunitense abituato a maneggiare la materia del brivido (i suoi due ultimi lungometraggi, Il gioco di Gerald e Doctor Sleep, sono infatti gli adattamenti cinematografici di due celebri libri di Stephen King).

A rimarcare il periodo “halloweeniano”, The Haunting of Bly Manor si apre come la più classica delle storie del terrore: un racconto di fantasmi davanti al fuoco. Il ruolo della narratrice è affidato alla splendida Carla Gugino, che racconta di Danielle Clayton (interpretata da Victoria Pedretti), una giovane governante americana che, in fuga dal proprio passato, giunge in Inghilterra per cercare lavoro e cambiare vita.

Viene assunta da Henry Wingrave (interpretato da Henry Thomas, il piccolo Elliot di E.T. l’extraterrestre), ricco zio di due bambini appena rimasti orfani e sui quali ha ottenuto la custodia. Danielle accetta e si ritrova a diventare la nuova “baby-sitter” dei piccoli Miles e Flora, in una grande magione in stile vittoriano a Bly Manor, nelle campagne dell’Essex.

Ma non è sola: nel suo lavoro è aiutata da Hannah (T’Nia Miller), l’altra governante, molto legata ai bambini e ancora scossa dalla scomparsa dei loro genitori, Owen Sharma (Rahul Kolhi), il divertente e solare cuoco e la giovane giardiniera dall’oscuro passato, Jamie (Amelia Eve). Dopo i primi giorni di ambientamento e dopo aver rotto il ghiaccio con i due bambini, Danielle comincia a notare la presenza di un uomo sconosciuto aggirarsi per la casa. Un uomo che, si scoprirà, avrà a che fare col mondo del paranormale.

In sostanza, dunque, siamo di fronte a tutti i canoni classici delle storie di fantasmi. Ma proprio quando questi canoni vengono presentati e la storia è pronta ad entrare nel vivo, ci si rende subito conto che, in realtà, l’atmosfera e i temi da ghost story non sono altro che un pretesto per raccontare qualcos’altro: la non accettazione.

Accettare per andare avanti

Gradualmente, con il passare delle puntate, ci si accorge che a Bly Manor la morte non si comporta come dovrebbe. Chi muore, a Bly Manor, torna. O meglio, non riesce ad andarsene. Le presenze che infestano la vecchia casa, da ombre e sagome viste di sfuggita nell’oscurità, assumono pian piano forma e identità, permettendo allo spettatore di scoprire le loro storie. E permettendo di conoscerne il minimo comune denominatore: la non accettazione della propria condizione.

Gli amanti che, rifiutandosi di essere separati dalla morte, la attraversano per rimanere insieme (e insieme cercare il modo di tornare tra i vivi); la vecchia governante che, dopo un incidente domestico fatale, rimane ad abitare la casa rimanendone intrappolata, riuscendo a liberarsi solo nel momento in cui prende coscienza di aver perso la vita; la protagonista che, non accettando la scomparsa violenta dell’ex fidanzato, continua a vedere la sua immagine ogni volta che si trova davanti a uno specchio. Se non elabori il lutto, a Bly Manor, il lutto ti perseguita fisicamente.

Ma perché tutto questo accade solamente in quella vecchia casa nell’Essex? Una domanda che trova risposta nelle ultime puntate: nel 17esimo secolo, in una società fortemente maschilista, la vecchia proprietaria del maniero era stata costretta a sviluppare una fermezza d’animo sopra la norma per impedire che il Lord di turno le portasse via i beni di famiglia, ai quali era fortemente legata. Una “testardaggine” talmente radicata e inamovibile da diventare trascendente: nessuno è in grado di scalfirla, nemmeno la morte.

La ferma volontà di proteggere la casa anche dopo la morte trasforma, gradualmente, tutta Bly Manor, modificandone le leggi della fisica e “annullando” la morte. In sostanza, dunque, la non accettazione della morte è in grado di impedire la morte stessa. La non accettazione diventa, così, non solo messaggio della storia e fulcro della caratterizzazione dei personaggi, ma dà vita alla storia stessa. È motore, spiegazione e risoluzione della narrazione stessa.

Funziona?

Al di là di questo messaggio, però, (e non è certamente un messaggio originale) c’è poco di più. Senza prendere in considerazione il lato tecnico, una fotografia un po’ troppo patinata per il genere e degli effetti visivi non proprio all’altezza (anche se questo può essere dovuto a una post produzione penalizzata dalla pandemia), gli elementi più critici sono l’atmosfera e il ritmo.

Un’atmosfera che fin da subito mette in campo tutti gli stilemi della storia horror, ma di horror ha poco o nulla. Praticamente impossibile spaventarsi guardando questa serie (a parte un paio di eccezioni). Il ritmo, poi, non aiuta: la narrazione dà l’impressione che occorresse “allungare il brodo” per giungere al minutaggio delle 9 puntate, quando le vicende potevano risolversi, senza problemi, nella metà degli episodi.

Un’occasione mancata, dunque, per un prodotto che vuole raccontare tante cose, forse troppe, e non riesce a farlo fino in fondo e con un’identità precisa. E questo dobbiamo accettarlo.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!