Il Ponte

THE BOYS, LO STRAPOTERE DEL CAPITALISMO

by

Fin dalla loro nascita, i supereroi hanno rappresentato lo specchio, dal punto di vista della cultura popolare, dello spirito dei tempi percepito e vissuto dalla società americana (e, per influenza, da tutto l’Occidente). A ogni epoca si può far corrispondere un certo tipo di narrativa supereroistica: dalla nascita nel periodo della seconda guerra mondiale, in cui agli eroi in calzamaglia è data una funzione (non solo, ma anche) di propaganda contro i totalitarismi; alle avventure colorate, spensierate e dal sapore fantascientifico che rispecchiano la rinascita post-bellica, il boom economico e lo spirito kennedyano della nuova frontiera dello Spazio; passando per il cosiddetto decostruzionismo revisionista degli anni ’80, in cui eroi fallibili, dalla condotta morale ambigua, perdono l’innocenza e diventano portatori delle angosce legate alla Guerra Fredda e alla minaccia costante della Bomba. E oggi? Quali possono essere le storie di supereroi che possano rispecchiare la società americana (e quindi occidentale) attuale?

La risposta è The Boys, serie a fumetti edita da Wildstorm-Dc Comics nel 2006, scritta da Garth Ennis per i disegni di Darick Robertson, dalla quale è stata tratta l’omonima serie televisiva in due stagioni, con la terza attualmente in produzione.

Super… per niente eroi

La serie tv The Boys (ideata da Eric Kripke e prodotta da Amazon per la propria piattaforma Prime Video) racconta di un mondo simile al nostro, con la differenza che i supereroi esistono. E non è un bene: in questo mondo, infatti, i supereroi non sono individui che, acquisiti i superpoteri, decidono di metterli al servizio della comunità; ma sono vere e proprie celebrità globali al soldo di una colossale multinazionale americana, la Vought, che ne gestisce la vita pubblica, le attività e l’immagine come fossero rockstar, divi di Hollywood o, come diremmo oggi, influencer. Il dato che caratterizza questi “supereroi”, però, è un altro: dietro la facciata da icone (la principale squadra sotto contratto della Vought è quella dei “Sette”, caricatura di gruppi classici di eroi dei fumetti, come la Justice League o gli Avengers), si nascondono persone senza scrupoli, viziate, egocentriche, egoiste se non addirittura malvage, il cui unico obiettivo è quello di guadagnare sempre più denaro, fama e riflettori. Come detto, però, si tratta pur sempre di individui con superpoteri: e così, grazie al proprio immenso potere economico e mediatico, la Vought utilizza i propri “asset con mantello” nella società, inserendoli in una narrazione che è quella tipica dei fumetti, permettendo loro di intervenire nel far rispettare la legge, senza troppa accortezza per i cosiddetti “danni collaterali”. Non sono rari, infatti, gli episodi di civili rimasti gravemente feriti o uccisi a causa delle azioni “eroiche” di questi personaggi, episodi che prontamente la Vought mette a tacere comprando il silenzio dei testimoni o dei familiari delle vittime a suon di dollari.

Ed è qui che entrano in gioco i “Boys” (i ragazzi): un gruppo di mercenari ed ex agenti della CIA che, toccati più o meno direttamente dalle azioni terribili perpetrate dai “super”, decidono di fare di tutto per far affondare la Vought, tentando di rivelare al mondo intero la vera natura dell’azienda e dei suoi super personaggi. In questa guerra tra “gente comune” e supereroi, la serie tv The Boys non si risparmia nulla, mettendo in scena ciò che davvero la guerra è: gioco sporco. Sangue, violenza, sesso come ricatto, tradimenti, affari economici e giochi politici si intrecciano in modo sempre più fitto, portando lo spettatore a non fidarsi di niente e di nessuno. E, non nascondiamoci, a volerne sempre di più. Inoltre, puntata dopo puntata, i colpi di scena si fanno sempre più frequenti, togliendo qualsiasi speranza allo spettatore di capire come potrebbe procedere la narrazione e alzando sempre di più la posta in gioco: non si vuole rovinare la visione a nessuno, ma basti pensare che, a un certo punto, si arriva a coinvolgere una sorta di Quarto Reich e il concetto di Superuomo in senso nietzschiano. Ma non diciamo altro.

Lo specchio del mondo di oggi?

Ma perché, come anticipato in apertura, questi supereroi così corrotti e spregevoli dovrebbero rappresentare lo spirito della società attuale? Viviamo sempre di più nella società dell’apparire, e in un certo senso i supereroi presentati in The Boys non sono altro che personaggi pubblici pensati da un’azienda come “super”prodotti di marketing. Ma la vera sovrapposizione tra la serie tv e la nostra epoca va ricercata da un punto di vista meta-narrativo: l’elemento che più di tutti caratterizza The Boys è uno spirito fortemente anti-corporativo. La multinazionale, il colosso capitalistico che attraverso il denaro è in grado di raggiungere qualsiasi obiettivo, a prescindere dai mezzi usati e ignorando qualsiasi tipo di morale, è il male. La gente comune, che nulla può contro questo gigante se non sporcandosi le mani e perdendo la propria umanità, è il bene. Ecco, questa serie tv, con questo spirito così preciso, è prodotta da una delle più grandi multinazionali del mondo, Amazon. Il più grande colosso capitalistico del mondo vende alla gente un prodotto in cui il capitalismo è il male da estirpare, senza alcuna conseguenza. Anzi, guadagnando ancora di più. Cosa significa? Il potere delle multinazionali è talmente forte e radicato che nulla può scalfirlo (al pari di quello dei supereroi presentati)? Non è forse inquietante che l’oggetto della critica diventi il soggetto stesso che incentiva a dileggiarlo?

In fondo, forse, il mondo di The Boys e il nostro non sono così diversi.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!