Il Ponte

La guerra è il vero nemico

by

Una settimana dopo l’inizio della guerra in Ucraina ho ricevuto questa lettera. Si era ancora all’inizio del conflitto e nessuno avrebbe immaginato quel che poi è accaduto, sia per il numero di morti (militari e civili), che per la distruzione di interi territori e città.

“Caro direttore, sono un semplice padre di quattro figli e uomo fortemente innamorato di sua moglie. Forse proprio spinto da quest’Amore nei confronti di mia moglie e dei miei figli, che sono qui a scriverle e a farle questa proposta. È da quando è iniziata questa guerra che ci penso, ebbene sono fortemente convinto che la guerra, che sta dilaniando l’ Ucraina, si possa fermare con una massiccia Marcia della Pace. La mia proposta è di invitare più di 100.000 persone, provenienti da tutti i paesi del mondo per interporsi in maniera pacifica fra i carri armati russi e la popolazione civile.

Non come privati cittadini, ma come popolo della Terra, magari guidati da Papa Francesco, confluire a Kiev e in altre città e creare una catena umana come scudo per la popolazione civile e rimanervi fino a che si apra davvero una trattativa ed un dialogo fra le parti, con la mediazione dell’ONU. La mia non è utopia o pazzia, ma è la consapevolezza che la cattiveria, il male, l’oppressione, la tirannia si possono solo vincere solo con il Bene, l’ Amore, la Fratellanza e come Cristiani, mettendoci la faccia e… sporcandosi le mani. Penso sia giusto, che noi testimoni di Gesù Cristo, usciamo dal tepore delle nostre case e in prima persona ci uniamo alla difficoltà di chi è in pericolo.

Sono disposto a perdere tutto quello che ho di terreno, per dare ai miei figli, insieme a mia moglie, l’esempio di considerare l’altro come Fratello. Un movimento del genere poi coinvolgerebbe tutta l’opinione pubblica dando una sferzata ai governi, così che finalmente si occupino seriamente e velocemente della Pace e non di alimentare la guerra. Sono consapevole che questa è un’operazione estremamente rischiosa, quindi non le scrivo a cuor leggero, ma spinto da una forza che non ci fa sentire soli ‘quando due o più si riuniscono nel mio nome Io sono in mezzo a loro’. E davanti agli occhi ho l’esempio dei giovani della Rosa Bianca, di Sophie e Hans Scholl e dei loro amici, che non ebbero paura di mettere a rischio la loro vita per non essere complici col silenzio della barbaria nazista. Massimo”.

La lettera mi piacque per il suo spirito e la generosità che esprimeva, ma giudicai la proposta “troppo coraggiosa” per essere attuabile.

In quei giorni stava fallendo anche il solo tentativo di Operazione Colomba di portare a Kiev un folto gruppo di parlamentari e politici italiani…

Continua a pagina 8 del numero 16 del settimanale ilPonte

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!