Il Ponte

Il volley ha una nuova casa per 500 atleti

by

L’opportunità è stata il Trofeo Coni che la scorsa settimana ha portato a Rimini più di 3300 atleti under 14. Visto che il presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano era in città per accendere il braciere e per dare il via ufficiale ai Giochi, perché non invitarlo all’inaugurazione della Casa del Volley? E così venerdì Giovanni Malagò ha tagliato il nastro della nuova struttura di via Bidente, a Villaggio Primo Maggio (nella foto).

Un impianto dedicato esclusivamente alla pallavolo, costruito in un anno e mezzo, costato 1.3 milioni di euro, 700mila dei quali giunti dal bando Sport e periferie proprio del Coni.

Ci erano pervenute 1.870 richieste di finanziamento. – ha detto il numero uno dello sport italiano – Ne sono state prese in considerazione circa il dieci per cento e alcune non sono riuscite ad andare in porto. A Rimini, invece, tutto è stato fatto come si deve. Complimenti, la sinergia con il Coni ha funzionato e ha realizzato una bellissima opera come questa”.

La Casa del Volley ospiterà le partite del campionato nazionale di B2 femminile con la squadra Riviera Volley e del campionato regionale di serie D femminile con l’Athena Rimini volley. La palestra sarà inoltre utilizzata per gli allenamenti da tutte le società del territorio affiliate alla Fipav coinvolte dall’Amministrazione anche nella formazione e condivisione del calendario. La fascia pomeridiana, dalle 16 alle 20, sarà dedicata sia all’avviamento allo sport sia all’allenamento di tutte le giovanili (U12-13-14-16 e 18) che alla Casa del Volley disputeranno anche i loro campionati. Secondo una prima stima dovrebbero essere circa 500 gli atleti che ogni settimana utilizzeranno l’impianto.

Una palestra come questa è l’orgoglio di tutta una città. – il primo commento dell’assessore allo Sport di Rimini, Gian Luca Brasini – L’obiettivo è quello di farla diventare un vero e proprio Centro federale”.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!