Il Ponte

Quelle “zebre” poco rispettate!

by

strisce-pedonali
Il 60.5 per cento degli automobilisti italiani non si ferma davanti al pedone che attraversa la strada sulle strisce. A dirlo è l’Associazione Sostenitori della Polizia Stradale (ASAPS). Duemila i tentativi effettuati in cinque città tra le più importanti d’Italia: Milano, Firenze, Roma, Napoli e Palermo. E a Rimini, abbiamo pensato, come andranno le cose? Mercoledì scorso, 4 gennaio, lo abbiamo testato. Ci siamo armati di carta, penna, orologio e una bella macchina fotografica e siamo andati in giro per la città (e non solo), cercando i punti più trafficati. Il risultato? L’attesa media per attraversare in assoluta sicurezza è di circa 22 secondi. Ma attenzione, in alcuni punti siamo stati fermi quasi un minuto. Senza parlare del linguaggio poco oxfordiano di cui a volte siamo stati vittime.
Dal Ponte di Tiberio alla città. La nostra ricerca sul campo è partita dalle strisce pedonali che dal Ponte di Tiberio portano in Corso d’Augusto. L’orologio segna le ore 09.03.22 secondi. Fermi, lato Ponte, i nostri protagonisti: mamma Laura e i piccoli Lucia e Alberto. In sequenza transitano una Yaris bianca con targa sammarinese, due Fiat entrambe “riminesi” e un Suv dell’Audi: tutto come se nulla fosse. È una Jeep straniera la prima a fermarsi e far passare la famiglia. Si guarda l’orologio, ore 09.04.20: quasi un minuto!
Via Roma incrocio con via Gambalunga. Altro giro, altra attesa. Questa volta scendiamo lungo via Gambalunga per arrivare all’incrocio con via Roma. A terra ci sono le nuove zebre disegnate perché pochi metri più avanti c’è la scuola elementare. Laura con Lucia e Alberto fanno un passo avanti: da nord arriva un camper che suona vigorosamente mandando in un luogo molto affollato i tre. Subito dietro, però, una Ducati rallenta il rombo e si ferma. Dalla parte opposta la stessa cosa la fa una Jazz. Risultato, per attraversare sono bastati meno di dieci secondi.
Viale Tripoli. Ben diversa è l’attesa per attraversare viale Tripoli, all’altezza del Bar Gelateria Marselli. Qui, un paio di settimane fa, sono stati messi sotto due pedoni. Guardiamo l’ora: 11.32.06. Transitano in sequenza cinque auto e due motorini. E niente. Si è tutti ancora fermi. Poi arriva una macchina dei vigili: stop, e mamma e due figli possono iniziare ad attraversare. Peccato che dall’altra parte arrivi un taxi costretto quasi a inchiodare. Altra sequela di nomacci mentre l’orologio dice che per fare dieci metri si è dovuto attendere quasi un minuto.
Riccione, zona San Lorenzo e viale Romagna. La situazione non cambia di molto spostandoci in altre città. A Riccione, per esempio, per riuscire ad arrivare in viale Romagna l’attesa è di quasi 40 secondi. Un po’ di meno, ma molto più pericolosa, la situazione delle “zebre” nella zona della parrocchia di San Lorenzo.
Savignano, via Galvani da incubo. Un vero e proprio incubo, invece, riuscire ad attraversare via Galvani, a Savignano. L’orologio segna le 16.43.25. Quando Laura e i suoi figli sono dall’altra parte sono passati quasi cinque minuti!
Via Allende, il punto nero della Regina. Non va di certo meglio a chi, a Cattolica, voglia usufruire delle “zebre” di via Allende. Qui ogni giorno transitano circa 2mila veicoli e riuscire ad attraversare è un’impresa. La media è di circa tre minuti.
Insomma, anche a Rimini e provincia gli automobilisti non sono proprio amici dei pedoni.

Francesco Barone

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!