Il Ponte

Il mistero da Oscar che vive tra acqua e aria

by

Storia d’amore e diversità in stile fantastico: lei (Sally Hawkins) è muta, è una sognatrice, è un’umile donna delle pulizie impiegata in un laboratorio di ricerche, ha un vicino di casa artista (Richard Jenkins) e una amica del cuore (Octavia Spencer) che la affianca nelle sue mansioni quotidiane. “Lui” è una creatura anfibia, oggetto di studio, prigioniero nel laboratorio e al centro di molti interessi, anche da parte di forze straniere. Del resto siamo negli anni ’60 negli States, in piena guerra fredda, i nemici sovietici sono più avanti nell’esplorazione spaziale mentre le sale cinematografiche (come quella sotto l’appartamento della protagonista (in cui si proiettano ogni giorno La storia di Ruth e Mardi Grass) fronteggiano cali di pubblico nonostante cinemascope e technicolor e devono vedersela con gli apparecchi televisivi ormai in tutte le case. Il nuovo film del regista de Il labirinto del fauno è un evocativo melodramma sentimentale che pesca a piene mani nell’immaginario cinematografico classico (più di un debito al celebre Il mostro della laguna nera di Jack Arnold), materia della quale si è da sempre nutrito il regista messicano, mescolato ad una robusta vicenda di “diversi”, di creature solitarie in grado di amarsi, per nulla impauriti da handicap e “mostruosità”. Anzi, il vero “mostro” della storia è il violento responsabile della sicurezza (Michael Shannon). Evocativo, romantico come pochi, suggestivo, ammaliante: La forma dell’acqua potrebbe essere uno dei protagonisti ai prossimi Oscar, viste le 13 nomination raccolte.
Cinema che fa bene agli occhi e al cuore, avvolgente nel suo procedere tra fantastico e gioco di sentimenti, più realistico di tante storie apparentemente vere ma incapaci di trasmettere emozioni.

Il Cinecittà di Paolo Pagliarani

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!