Il Ponte

WHAT’S UP?I giovani e la rivoluzione digitale

by


WHAT’S UP?I giovani e la rivoluzione digitale
Mercoledì 14 marzo alle 17 nel Complesso Alberti un dialogo tra docenti e studenti sull’uso etico dei social network organizzato dall’associazione Free Exit
Rimini,13 marzo 2018
Che coscienza avete? È da questo interrogativo che vuole partire la riflessione di mercoledì14 marzo perinstaurare un dialogo intergenerazionale tra professori e studenti sul tema della possibilità di un uso etico dei social network. L’appuntamento è in programma dalle 17 alle 19 nell’Aula 9 del Complesso Alberti 2.7 del Campus di Rimini, in via Quintino Sella 13.
Interverranno ilprof. Andrea Canevaro, docente di pedagogia speciale all’Università degli studi di Bologna e il prof. Guido Mocellin, editorialista di Avvenire e de Il Regno e docente di giornalismo religioso all’Università Cattolica di Milano. Modera Renato Laurita, docente di informatica e pubblicista.
La conferenza, pubblica e gratuita, è promossa dall’associazione Free Exit in occasione della Pasqua Universitaria 2018 con il contributo e il patrocinio dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e il patrocinio di UniRimini.
È molto diffusa la volontà di esprimere opinioni su argomenti etici o di attualità sui social, basando sul consenso ricevuto la propria credibilità e autorevolezza sul tema.
A questa manifestazione di intenti spesso però non seguono azioni coerenti, si rimane in una dimensione virtuale in cui difendere il proprio pensiero con tutti i mezzi possibili diventa più importante di fare qualcosa di reale per cambiare ciò che non va o sostenere attivamente una causa.
Questa tendenza esasperata ai massimi livelli sfocia nel fenomeno attualissimo degli “hater” (coloro che odiano), personaggi che, utilizzando un linguaggio di odio e forte critica, passano molto del loro tempo sui social network opponendosi a chiunque la pensi diversamente da loro, a chiunque abbia commesso un errore balzato agli onori di cronaca, o semplicemente a chiunque si presenti come diverso.
Se non ci fossero i social, un giovane del 2018 come si comporterebbe davanti a cose che indignano? Come si attiverebbe? La privazione dei social aiuterebbe ad esprimersi meglio?
A questi e altri interrogativi cercherà di rispondere l’incontro, chiedendosi come mai il fenomeno degli “hater” si stia diffondendo così a macchia d’olio, da dove nasce e chi c’è dietro. Ma interrogandosi anche se l’utilizzo dei social network a fini etici possa essere l’espressione di una parte di sé difficile da mostrare nel mondo reale o possa anche diventare uno strumento in più per lanciare il proprio messaggio.
Al termine dell’incontro, seguirà un piccolo rinfresco-buffet a cui saranno invitati relatori e partecipanti per un breve momento conviviale.

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!