Il Ponte

I veri eroi? I genitori. Sempre più incredibili

by

Se mamma è in missione, ci pensa papà a badare a casa e ai figli: solo che in questo caso è tutto in formato “super”. Parliamo de Gli Incredibili 2, la famiglia di supereroi griffata Pixar e creata da Brad Bird, nuovamente sceneggiatore e regista, che ritorna all’animazione dopo un paio di live action, compreso un Mission Impossible. È un piacere ritrovare su grande schermo, a quattordici anni di distanza, ripartendo da dove si era interrotta la prima puntata (per i deboli di memoria c’è il temibile Minatore che sconquassa la città), la famiglia in costume rosso.

Questa volta, però, l’azione è destinata a mamma Elastigirl, nel segno di un riconoscimento al valore femminile e ad una più equilibrata suddivisione dei compiti. Se mamma è in missione ed è sponsorizzata da un magnate attivo nel veder riconoscere nuovamente ai supereroi lo status della legalità, papà è a casa con i figli e i problemi non sono pochi, tra Violetta alle prese con il suo primo appuntamento sentimentale, i compiti di matematica di Flash e i poteri di Jack Jack, il più piccolo ma anche il più potente del gruppo, incapace però di controllare le sue abilità.

Si rimarca, e con maggiore forza del precedente film, il ruolo insostituibile della famiglia e la sua forza dirompente, anche nell’ampio raggio di problematiche famigliari riconoscibili a qualsiasi età. Gli Incredibili 2 è dunque un film sulla necessità di mantenere saldi i legami affettivi che circolano in casa, a prescindere dalle capacità di cui ogni membro dispone. E poi azione in quantità più che soddisfacente, con le “gommose” prodezze della mamma elastica, senza trascurare l’apertura e il travolgente finale, in un tripudio di divertenti trovate e citazioni, una in particolare per Johnny Quest, serie animata di Hanna e Barbera. Pixar sempre da applausi, anche per il corto d’apertura Bao.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!