Il Ponte

“Una guerra di altri ha distrutto il nostro Paese, ora chiediamo…”

by

wethesyria

Il 22 e 23 luglio Operazione Colomba ha festeggiato 25 anni di vita e impegno in un incontro fra vecchi e nuovi volontari a San Lorenzo In Correggiano, ormai luogo storico dei corsi di formazione del gruppo. E come nel 1992 si impegnò in prima linea a promuovere la pace fra le popolazioni serbe e bosniache, oggi è accanto ai profughi siriani in Libano, dove è presente dal settembre 2013, e dal 2014 nel campo profughi di Tel Abbas, a soli 5 km dalla Siria. Infatti, dopo avere subito minacce e violenze da parte di alcuni libanesi del luogo, i rifugiati siriani stessi del campo chiesero ai volontari di Operazione Colomba di vivere insieme a loro, perché una presenza internazionale civile e disarmata, rappresenta un forte deterrente all’uso della violenza, abbassa la tensione, facilita l’incontro tra le parti (che elimina il pregiudizio “siriani tutti terroristi/ISIS”) e apre importantissimi spazi di dialogo e convivenza pacifica.
Da oltre tre anni, dunque, i volontari condividono la vita (paure e dolori, ma anche speranze) con i profughi nei campi del nord del Libano (attualmente i siriani rifugiati in tutto il Libano sono oltre un milione!): donne, bambini, anziani, disabili, uomini e ragazzi che sono scappati dalla guerra in Siria per non dover essere obbligati a combattere o essere uccisi.
“Vivere con loro, sostenerli nei bisogni primari, accompagnarli, ad esempio, durante le visite mediche negli ospedali delle vicine città (dove da soli non sarebbero potuti andare o non avrebbero ricevuto assistenza alcuna)…  –  ci dice il coordinatore Alberto Capannini – ci ha permesso di instaurare un’importante rete di rapporti di fiducia e di poter così raccogliere e farsi portavoce delle richieste dei rifugiati stessi, richieste che oggi sono diventate una vera e propria Proposta di Pace per la Siria che Operazione Colomba si sta impegnando a promuovere a livello internazionale, anche nelle opportune sedi Istituzionali”. Dopo aver presentato la proposta a Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari esteri, il 20 giugno l’appello è giunto al Parlamento italiano e precisamente alla Camera dei Deputati. Questo il testo.

Noi siriani, profughi nel nord del Libano, riuniti in Organizzazioni ed Associazioni, semplici cittadini e famiglie scampati alla morte e alla violenza, a cinque anni dall’inizio della guerra che ha distrutto il nostro Paese, viviamo a milioni senza casa né lavoro, senza sanità né scuola per i nostri figli, senza futuro.
Nel nostro Paese ci sono centinaia di gruppi militari che, con la sola legittimità data loro dall’uso della violenza e dal potere di uccidere, ci hanno cacciato dalle nostre case.
Veniamo ancora uccisi, costretti a combattere, a vivere nel terrore, a fuggire, veniamo umiliati e offesi.
Ai tavoli delle trattative siedono solo coloro che hanno interessi economici e politici sulla Siria.

A noi, vere vittime della guerra e veri amanti della Siria, l’unico diritto che è lasciato è quello di scegliere come morire in silenzio
Ma noi, nel rumore assordante delle armi, rivendichiamo il diritto di far sentire la nostra voce, e insieme a coloro che ci sostengono e a chi vorrà unirsi al nostro appello
CHIEDIAMO
• la creazione di zone umanitarie in Siria, ovvero di territori che scelgono la neutralità rispetto al conflitto, sottoposti a protezione internazionale, in cui non abbiano accesso attori armati, sul modello, ad esempio, della Comunità di Pace di San José di Apartadò in Colombia (www.corteidh.or.cr/docs/medidas/ apartado_se_05.pdf).
• Vogliamo che siano aperti corridoi per portare in sicurezza i civili  in pericolo fino alla fine della guerra e che tutti i rifugiati ritornino a vivere in pace e sicurezza nella loro Patria;
che si fermi la guerra: che si fermino immediatamente i bombardamenti, che si blocchi il rifornimento di armi e che le armi già presenti vengano eliminate; che si ponga fine all’attuale assedio di decine di città siriane (www.siegewatch.org), che gli abitanti di queste città, senza cibo e medicine, siano assistiti immediatamente e posti in sicurezza;
che siano assistite le vittime e sostenuto chi le soccorre: che siano liberati i prigionieri politici, ricercati i rapiti e dispersi; che siano soccorsi e assistiti anche in futuro i feriti e i disabili di guerra;
che si combatta ogni forma di terrorismo ed estremismo, ma che questo smetta di essere, com’è ora, un massacro di civili innocenti e disarmati, che oltretutto alimenta il terrorismo stesso;
che si raggiunga una soluzione politica e che ai negoziati di Ginevra siano rappresentati i civili che hanno rifiutato la guerra, e non coloro che hanno distrutto e stanno distruggendo la Siria;
la creazione di un Governo di consenso nazionale che rappresenti tutti i siriani nelle loro diversità e ne rispetti la dignità e i diritti.
Vogliamo che sia fatta verità e giustizia sui responsabili di questi massacri, distruzioni, e della fuga di milioni di profughi, e lasciato spazio a chi vuole ricostruire.
Vogliamo convocare ora le migliori forze internazionali, in grado di costruire convivenza e riconciliazione, per sostenere ed elaborare insieme a noi civili un futuro per il nostro Paese.

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!