Il Ponte

Tumori infantili, Rimini in prima linea

by

Il tumore, qualsiasi esso sia, è un mostro. Non solo per la sua natura e per ciò che può fare a una persona, ma perché non guarda in faccia nessuno. Colpisce indiscriminatamente, con una cieca malignità che fa rabbrividire. Come quando colpisce i bambini.
Ogni anno, in Italia, si contano 2.200 nuovi casi di tumore infantile, 1.400 in età pediatrica e 800 tra gli adolescenti. Il mostro, però, può essere combattuto, grazie alle armi della prevenzione, della sensibilizzazione e della ricerca, e grazie all’esercito di ricercatori e medici specialisti che, ogni giorno, lottano in prima linea. È grazie a loro se oggi la percentuale di guarigione dei tumori infantili, in tutta Italia, è dell’80%. Non è il 100%, ma la battaglia non è di certo finita.

Rimini, un’eccellenza italiana
Un tema, questo, “di casa” a Rimini, dove si trova una vera e propria eccellenza a livello nazionale. Da quando, nel 2014, si è costituita l’azienda sanitaria unica nel territorio romagnolo (Ausl Romagna), cui fanno capo le province di Rimini, Forlì-Cesena e Ravenna, l’unico reparto di Oncoematologia Pediatrica in Romagna si trova proprio a Rimini, presso l’ospedale Infermi. Un reparto che era attivo già da tempo, dal 1999, e che dalla sua nascita ha preso in cura oltre 400 pazienti. Una lotta che continua ad avere rinforzi: recentemente, infatti, è stata attivata la radioterapia pediatrica presso l’IRST (Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori) di Meldola.

I numeri
“Ogni anno in media abbiamo 35-40 nuovi casi (42 nel 2018) – spiega la dottoressa Roberta Pericoli, responsabile del Reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Infermi di Rimini – che arrivano a Rimini da tutta la Romagna, oltre che dalle Marche e ai pazienti stranieri. E, in cura contemporaneamente, tra ricoveri e day hospital, ci sono circa una settantina di pazienti. Da quando si è costituita l’azienda unica del territorio, nel 2014, abbiamo avuto in cura 56 bambini da Rimini, 46 da Forlì-Cesena, 32 da Ravenna. In questo reparto abbiamo in cura bambini e adolescenti dalla nascita ai 18 anni di età: ci sono infatti tumori che si presentano fin dai primi giorni di vita e altri che si manifestano nella fascia tra i 14 e i 18 anni, ma sono comunque pediatrici e vanno quindi affrontati con cure tipiche dell’oncologia pediatrica”. Sostegno e assistenza, però, che riguardano anche le famiglie, colpite dal dramma della malattia di un figlio. “Anche alle famiglie cerchiamo di essere vicine, – aggiunge la dottoressa Pericoli – con un accompagnamento psicologico ma anche un aiuto per l’alloggio, perché tutta la famiglia possa vivere al meglio questo periodo così lungo e complesso”.

La casistica: quali tumori?
I casi di tumore maggiormente riscontrati nel reparto riminese sono le leucemie e i linfomi, che “rappresentano i più frequenti in età infantile assieme ai tumori cerebrali, che però vengono solo diagnosticati qui, per poi essere trattati all’ospedale Bellaria di Bologna dove opera il reparto di Neurochirurgia pediatrica – precisa Roberta Pericoli – Nella fascia 1-10 anni riscontriamo una predominanza di leucemie, linfomi e tumori del sistema nervoso centrale, tra i 10 e i 18 anni ancora i linfomi e poi i tumori solidi come i sarcomi”. Per quanto riguarda i neonati, i tipi di tumori secondo la casistica sono congeniti, come i neuroblastomi e i tumori renali.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!