Il Ponte

Top automazioni: i lavoratori sono fondamentali

by

La buona notizia è che nessuno dei circa 90 dipendenti ha alzato le braccia e si è arreso. Sono tutti al loro posto, con la mascherina d’ordinanza e i sanificatori a portata di mano.

Quella cattiva, è che di euro di cassa integrazione arrivati dallo Stato non se n’è visto neppure uno, qui lungo il Marecchia sponda Poggio Torriana, negli uffici e stabilimenti della Top Automazioni, leader nella produzione di caricatori automatici per torni. A garantire i dipendenti ci ha pensato per ora solo e soltanto la Top Automazioni.

L’azienda nata nel 2000 è la naturale prosecuzione di quella invenzione attuata nel 1976 da Bruno Bargellini, che da tornitore a imprenditore che solo qualche stagione più tardi inventa il primo caricatore automatico per tornio in grado di annullare tutti i tempi di piazzamento e lo commercializza. La nuova società, formata da Bruno Bargellini, la moglie Valeria ed i figli Gian Maria e Nicola, progetta, produce e vende caricatori di barre automatici, ottiene nel 2005 il premio come “azienda più innovativa di Italia” ed è prima nel settore in Italia.

Nel nuovo stabilimento a forma di vela che dal 2015 naviga a Poggio Torriana, ora Bargellini si trova ad affrontare un’altra tempesta, dopo il Covid-19. “Due mesi di chiusura, 80 dipendenti in cassa integrazione, e i concorrenti tedeschi che a differenza nostra hanno sempre lavorato e sono rimasti sul mercato (in Germania Top esporta il 12%, ndr), soffiandoci, ad esempio, in Svizzera, diverse commesse. Le serrande dei nostri stabilimenti erano chiuse”. Solo una decina tra amministrativi e tecnici hanno dribblato la cassa integrazione. Per tutto il resto della numerosa squadra è stata l’azienda stessa a intervenire: “i nostri ragazzi devono pagare bollette, qualcuno il mutuo, tutti hanno famiglia, come avrebbero resistito? Per questo la cassa è stata totalmente anticipata da Top Automazioni”. Ma i tempi si allungano, “le iniziative del Governo sono un po’ confuse, la burocrazia impera e mette i bastoni tra le ruote ad un settore già in difficoltà” ammette Bargellini.

“Multinazionale famigliare”, Top Automazioni è azienda capace negli ultimi anni di fatturato in crescita del 10%, dipendenti aumentati del 20%, vendite esplose del 54% nel 2016 e fatturato attorno ai 20 milioni.

Esportate il 40% della produzione, e ora? “Il mercato scandinavo è stato quello che ha continuato moderatamente a fare ordini, anche se in misura ridotta. In altri mercati siamo stati tagliati fuori totalmente per due mesi, ed anche ora spesso i nostri rappresentanti trovano porte chiuse. Aleggia paura e incertezza”.

Lei ha sempre dichiarato che patrimonio umano e innovazione tecnologica possono andare di pari passo. Anche ora che la crisi morde? “È un binomio imprescindibile, altro che paradosso. Top Automazioni è un’azienda altamente tecnologica, ma i lavoratori restano fondamentali. Se sono appassionati, se amano il lavoro e hanno a cuore l’azienda, rappresentano la forza fondamentale con la quale affrontare ogni sfida. Il Governo però deve fare presto, sbloccare la situazione e mettere in campo iniziative (finanziamenti, detrazioni, investimenti…) capaci di ridare fiato all’industria e al paese”.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!