Il Ponte

E io ti personalizzo la mascherina. Riciclata

by
La storica tipografia di Verucchio si trasforma per produrre mascherine. Personalizzate, di tutti i colori, riciclabili ed ecosostenibili. A Villa Verucchio La Pieve stampa un'”arma” in più contro il virus e il lockdown, e dona mascherine al Comune, ai carabinieri e ai vicini di casa di San Leo.
Una tipografia, per giunta storica, che fa al tempo del Coronavirus? Se è creativa, discretamente ironica e per giunta lungimirante, non se ne sta con le mani in mano, affronta il distanziamento sociale stampando allegre mascherine, personalizzate per tutti i gusti. I parchi tematici potrebbero mettere a disposizione dei clienti quella con il loro logo all’ingresso della struttura, le imprese potrebbero fare squadra con i propri dipendenti e persino i negozi accogliere i clienti in maniera caratteristica.
Attiva dal 1974 grazie all’intraprendenza del fondatore Silvano Pedrosi, La Pieve di Villa Verucchio non intende farsi cogliere impreparata e prova a dare una risposta stampata al Coronavirus. Due le tipologie di mascherine prodotte: da una parte quelle in tessuto non tessuto (tnt), dall’altra quelle in carta filtrante certificata. Entrambe si comportano come quelle chirurgiche: sono usa e getta dopo 6/8 ore di utilizzo. Quelle in carta, facili da utilizzare – si montano in 15 secondi – hanno anche un altro vantaggio: sono completamente riciclabili. Oltre ad avere più di un occhio all’ecosostenibilità, La Pieve guarda anche al territorio. Le prime mascherine prendono, infatti, la strada del dono: 1.000 saranno consegnate al Comune di Verucchio (e di conseguenza ai cittadini), 200 ai vicini di casa del Comune di San Leo e 100 alla stazione dei Carabinieri di Villa Verucchio. “Un piccolo gesto, considerata l’emergenza attuale. – spiegano in coro i fratelli titolari dell’azienda Giuseppe e Filippo Pedrosi – La scelta delle mascherine di carta è anche in considerazione della crescente sensibilità nei confronti dell’ambiente e del riciclo”. “È sempre una gradita sorpresa cogliere quanta solidarietà la nostra comunità sia in grado di generare nei momenti di difficoltà. – commenta il sindaco Stefania Sabba, nella foto in Municipio con i fratelli Pedrosi alla consegna delle mascherine – A nome della cittadinanza, un sentito ringraziamento a La Pieve, per questo gesto, generoso e lungimirante, per evitare che l’utilizzo prolungato che si profila delle mascherine non sia sostenibile dal punto di vista ambientale”.
La creatività non fa difetto ai giovani titolari della Pieve: “vestiranno” di mascherine con il logo delle Tigri anche la squadra locale Villanova Basket.
Incamminata verso i 50 anni di attività, 22 dipendenti e una tradizione familiare, La Pieve prova a rispondere con le “armi” a sua disposizione e che gli competono – in questo caso colorate e con qualsiasi logo ma anche semplicemente bianche, in poche copie o in migliaia di pezzi – all’emergenza. (p.g.)

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!