Il Ponte

Teatro, Novafeltria cala il tris

by

Non sentire il male_Elena Bucci
Spettacolo, fumetto e incontri. Un tris di artistiche proposte sul palcoscenico del Teatro Sociale di Novafeltria domenica 2 aprile. Si parte alle 18 con “Non sentire il male”, spettacolo dedicato a Eleonora Duse di e con Elena Bucci (nella foto), Premio Eleonora Duse e Premio UBU come migliore attrice nel 2016.
A seguire è in programma la presentazione del libro di fumetti “Sputa tre volte” del bravissimo autore Davide Reviati (nella foto).
Dopo una lunga gavetta nel campo dell’illustrazione e del fumetto, Reviati si è imposto all’attenzione non solo italiana con il superbo graphic novel Morti di sonno. Ambientata sullo sfondo del Villaggio Anic di Ravenna, quartiere popolare nato attorno al maxi-stabilimento petrolchimico Eni, voluto da Enrico Mattei, il libro segue le vicende dei ragazzini del villaggio: Rino detto “Koper”, il narratore, Lario, lo spaccone, Ettore, che dalla perdita del padre non è più lui. Questi ragazzini seguono la propria voglia di fuga e di ribellione correndo dietro a un pallone, sognando un gol o maledicendosi l’un l’altro per un dribbling di troppo.
Sputa tre volte_Davide Reviati
A Novafeltria, Reviati presenta invece la sua ultima fatica, l’intenso “Sputa tre volte”. Onirico, delicato e a tratti feroce, questo romanzo ci parla della fragilità, della paura del diverso, della fatica di crescere. E il suo sguardo intenso e poetico si fa universale: dipinge una provincia cupa, ridicola e tragica e insieme sfiora i drammi della grande Storia.
Reviati
Anche in questo caso la storia di svolge in periferia, protagonisti Guido e il suo gruppo di amici adolescenti. Vicino a loro vive una famiglia di nomadi slavi. Gli uni e gli altri, i gagi e i rom, si fidano del corpo e dei gesti più che delle parole. E ripetono riti per istinto di sopravvivenza.
Per lo spettacolo della Bucci, il 51enne ravennate Reviati ha realizzato delle immagini che hanno accompagnato il processo creativo e produttivo dell’omaggio a Eleonora Duse. (info e prenotazioni: 333.3474242, teatrosocialenovafeltria@arboreto.org e www.teatrivalmarecchia.it). “Lo spettacolo è davvero scritto nel corpo, senza retorica, -spiega la Bucci – e questo è il cuore del mio lavoro su Eleonora Duse, immaginata nel momento in cui, malata e sostituita da Gabriele D’Annunzio nella “Figlia di Iorio”, prende il copione e recita tutte le parti, tutte le scene, tutte le figure, davanti a Matilde Serao. Ho attinto a lettere, scritti, testimonianze indirette che percorrono tutto l’arco della sua vita. Il criterio di scelta è stato assolutamente personale, pur nel tentativo di comprendere e rispettare”.
A conclusione della serata – o per iniziarla, a seconda dei gusti e delle abitudini – L’Arboreto e il teatro Sociale “apparecchiano” (com’è ormai tradizione) un piccolo convivio con degustazione di vini e prodotti locali offerti da Enio Ottaviani Winery di San Clemente e Norcineria Macelleria Domenico Celli di Novafeltria.

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!