Il Ponte

Smartphone, no grazie

by

È davvero inquietante che siano alcuni azionisti della Apple stessa a voler tutelare i bambini sull’uso degli smartphone mentre la politica e le istituzioni tacciono, chiuse in un silenzio davvero colpevole. La particolare pericolosità degli smartphone per i bambini è legata alla loro stessa natura: si tratta di una tecnologia portatile, estremamente comoda e facile da utilizzare. Il successo di questi dispositivi nelle famiglie risale a pochi anni fa. Il pretesto fu rappresentato dalla gratuità dei messaggi whatsapp rispetto agli sms che apparentemente costavano di più. In realtà fu una vera e propria manipolazione dell’ opinione pubblica in quanto, come è noto, per avere Whatsapp bisogna anche avere una connessione a Internet. Improvvisamente bambini di 8-9-10 anni si sono ritrovati in tasca un apparecchio con un accesso libero alla Rete, il cui 50% dei contenuti, come purtroppo sappiamo bene, sono di natura pornografica e violenta, come le esecuzioni dell’Isis o i film dell’orrore. In realtà i danni maggiori non attengono ai contenuti specifici visibili su Internet ma al dispotismo che gli smartphone esercitano sulla vita dei ragazzi: la facilità dell’ uso rende difficilissimo separarsene. I danni maggiori sono quelli relativi al sonno. Sono tantissime le ricerche che lo dimostrano. In seconda battuta vanno considerate le ripercussioni sulla capacità di concentrazione: lo studio, lo sport, la musica, le attività ludiche vengono compromesse a tal punto da sparire quasi del tutto. Sono sempre di più i ragazzi tra gli 11 e i 14 anni completamente in balìa degli smartphone, da cui non si staccano mai. Ogni giorno gli studi di sostegno pedagogico si affollano genitori disperati che non riescono a regolare l’uso dello smartphone dei propri figli. I genitori di oggi sono una generazione fragile dal punto di vista educativo: difficile pretendere eroismo da parte dei papà e delle mamme quando tutto attorno, specie nel nostro Paese, regna l’ indifferenza su queste tematiche, se non la stigmatizzazione di chi non compra lo smartphone a un bambino di 7 o 8 anni. Negli ultimi mesi si è aggiunta la chicca del Ministero della Pubblica Istruzione che, in totale controtendenza europea, ha istituito una commissione per valutare l’eventuale uso didattico degli smartphone a scuola. In contemporanea, in Francia, Macron lo proibiva. E anche in Germania, in Svezia e in Gran Bretagna esistono normative al riguardo per tutelare alunni e studenti. Senza leggi chiare si lasciano le famiglie in balìa di un marketing sempre più cinico che usa i minori come target per vendere strumenti non adatti alla loro età.

Daniele Novara, pedagogista

leave a reply

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!