Il Ponte

Senza visione comune

by

L’Italia dei rancori. È una delle immagini con cui è descritta la società italiana nell’ultimo Rapporto Censis. Più di qualcuno ha commentato sarcasticamente dicendo che non serviva l’indagine del Censis per affermarlo. Basta guardarsi attorno – al supermercato, per strada, falla fila ad un qualsiasi sportello, sul web… – per rendersene conto. L’imbruttimento generale è piuttosto palese: i nervi sono a fior di pelle, l’aggressività pure. Il Censis ha semplicemente dato una veste scientifica ad un sentimento che cova da tempo e che trova modo di esprimersi, a volte, anche in forme drammatiche. Tuttavia ci sono anche altri aspetti che il Rapporto mette in rilievo, come il fatto che una ripresa economica è in atto, trainata dall’industria e dalla tecnologia, e si assiste pure ad una ripresa dei consumi. Gli effetti positivi di questi lenti ma reali processi sul sentimento generale della società italiana però sembrano tardare: crescono invece il rancore e la sfiducia nelle istituzioni, soprattutto nella politica. Come mai? Il Rapporto suggerisce delle interessanti chiavi di interpretazione. Una ha a che fare con la frammentazione della nostra società: nulla di nuovo per la verità, solo una conferma ripetuta ormai da qualche anno. Il tessuto relazionale delle nostre città è fortemente compromesso e in gran parte corroso. L’altra chiave interpretativa riguarda la mancanza di una visione di futuro: “Il futuro è schiacciato sul presente”. Questo schiacciamento inibisce qualsiasi forma di progettualità, di sguardo a lungo termine, di prospettiva… Forse si può semplicemente dire – mettendo insieme le due cose – che manca una visione comune di società: un’ immagine condivisa di quello che vogliamo essere e di quello che vogliamo diventare come Paese. Manca un progetto comune che ci dia fiducia e che ci faccia battere il cuore come italiani. Ognuno invece procede a tentoni, per conto suo, alla ricerca di una improbabile felicità individualistica. In questo orizzonte sembrano sempre più rare le “narrazioni comuni”: cioè quei racconti dentro i quali un popolo si ritrova e si riconosce. In una recente intervista Cacciari se la prende coi cristiani, perché sono in parte responsabili della banalizzazione del Natale, avendo lasciato cadere nel dimenticatoio il racconto e il significato del racconto che stanno alla base del Natale stesso. Intere scolaresche – denuncia – stanno davanti a immagini sacre e restano mute perché non sanno decifrarle: hanno perso la memoria dei racconti biblici da cui quelle immagini si sono originate. C’è materiale per riflettere.

Alessio Magoga

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!