Il Ponte

Roncofreddo, ora i lupi fanno paura

by

Uno spettacolo di morte raccapricciante. È quello che si sono trovati davanti agli occhi i fratelli Cancedda, titolari dell’azienda “Il Pastorello” di Ciola Araldi di Roncofreddo. Trenta pecore sventrate e il loro pastore maremmano a terra senza vita. Tutta colpa dei lupi che questa volta, a differenza di altri attacchi, hanno fatto davvero una strage.

“L’Ausl dice che non c’è sicurezza sul fatto che siano stati i lupi a compiere questa strage, parla di cani inselvatichiti. raccontano con le lacrime agli occhi i titolari dell’azienda – Noi, invece, siamo certi che siano stati i lupi perché li abbiamo visti e perché non è la prima volta che subiamo un attacco del genere.

Solo che negli altri episodi ci erano morte due, tre bestie: qui siamo oltre i trenta capi. Perché al di là di quelle che abbiamo trovato sbranate ce ne sono state altre che sono scappate e sono morte cadendo nei calanchi. In più le pecore incinte probabilmente, dalla paura, non partoriranno. E, come se non bastasse, ci hanno ammazzato anche un cane”.

Ingentissimi i danni perché oltre all’ammanco economico per la perdita delle bestie, ci saranno da affrontare le spese per lo smaltimento delle carcasse.

Il problema ora è anche un altro: tra le persone inizia a serpeggiare un po’ di paura. I lupi, infatti, sembrano non avere più paura dell’uomo e si stanno avvicinando ai paesi.

“Sono stata informata della strage e sono vicina ai proprietari dell’azienda. Purtroppo conoscono bene il problema interviene il neo sindaco di Roncofreddo Sara Bartolini – in passato si sono avuti episodi inquietanti vicino al paese. Cercheremo di fare degli approfondimenti per capire come affrontare il problema nel modo più corretto possibile, soprattutto per salvaguardare le persone e le aziende del nostro territorio”.

A conferma della pericolosità di questi lupi arriva anche il racconto dell’ex sindaco Massimo Bulbi che è anche presidente regionale Federcaccia.

“Qualche mese fa, vicino al capoluogo, i lupi hanno attaccato e ucciso la pecora di un privato, quindi i rischi ci sono e sono tangibili. La Regione Emilia Romagna si era mossa bene per arginare il problema, ma poi il Ministro giallo verde ha bloccato tutto. Ora, dopo questo episodio è tempo che questa emergenza venga affrontata con serietà”.

Laura Genestreti

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!