Il Ponte

Rimini, e sai cosa bevi. E anche come parli

by

“Alora?”. Lo si dice da romagnolo a romagnolo per indicare la seguente frase: “Ciao, come stai? Tutto bene? A casa, i figli, la moglie, il lavoro, dove sei stato tutto questo tempo che è un bel po’ di tempo che non ti si vede in giro?”.
È un sano, divertente esempio della lingua tutta particolare utilizzata in Romagna, e in questo particolare caso a Rimini. Fabio De Luigi e Paolo Cananzi ne avevano dato un magistrale saggio nello spettacolo che per qualche tempo portartono in giro, facendo “sbudellare” dalle risate i riminesi e non solo. Quella semantica romagnola tra “andare a baghina” e “viene da monte Sgrippone” (campagnolo, in senso dispregiativo) era un affresco simpatico, che aveva il pregio di far luce sull’utilizzo della lingua italiana “modificata” dal Romagnolo a causa della sua tremenda e ancestrale tara culturale.
Chi non lo possiede, si procuri velocemente “La piada nella roccia”: il pocket del comico riminese Paolo Cananzi e dell’esuberante Lia Celi è del lontano 1993 ma è tutt’ora godibile.
Un altro maestro del riminese “modificato” geneticamente e utilizzato per suscitare bonomia, è Paolo Cevoli. Dall’assessore Palmiro Cangini al Teddy Casadei imprenditore dei maiali, tutto il repertorio del comico riccionese è costellato (oltre che da una mimica geniale e inimitabile) da “Ah, dì…” (È così, cosa ci vuoi fare?) e parole scurrili che nel gergo perdono anche la loro carica di volgarità per indossare i panni dell’attributo salace e sguaiato.
Alcune delle parole più tipiche di questo particolare dizionario riminese-romagnolo-italiano, ora sono diventate dei bicchieri. Bicchieri da birra, per proseguire l’accostamento romagnolo accogliente, beone e un po’ scurrile, ma sempre tanto divertente.
Per celebrare la Romagna e il suo dialetto, Birra Amarcord ha infatti realizzato una serie di sei bicchieri ognuno con una parola romagnola diversa.
At Salut, Tin Bota, Tanimodi, Pataca, Sbùron, Bùrdel: sono queste le sei parole in dialetto romagnolo stampate sui nuovi bicchieri realizzati da Birra Amarcord. Per promuovere i sei bicchieri, in edizione limitata e in omaggio acquistando due bottiglie di Gradisca, Birra Amarcord ha ideato una serie di video virali per i social.
Bevi birra e impari il dialetto romagnolo: questi riminesi le studiano tutte.
La nuova divertente campagna video partita sui social vede protagonisti, insieme all’attrice Francesca Airaudo, i dipendenti dello stesso birrificio che si sono prestati per gioco e divertimento alla realizzazione dei video.
“Volevamo metterci la faccia – scherza Andrea Ciliberti, Direttore Marketing di Birra Amarcord e tra gli ‘attori’ dei video – In realtà, Birra Amarcord è un brand tutto romagnolo e questa, come altre iniziative, va proprio a consolidare il legame con la Romagna”.
Una parola in dialetto per puntata, una surreale Gradisca (personaggio del film ‘Amarcord’ di Fellini qui interpretata dalla Airaudo) nella parte dell’insegnante e degli “improbabili” alunni sono gli ingredienti di una serie di divertenti sketch.
“Abbiamo pensato alle parole in dialetto per dimostrare ancora una volta l’amore per la nostra terra – aggiunge Elena Bagli, titolare insieme al fratello Andrea di Birra Amarcord – Il dialetto fa parte della nostra storia e del nostro patrimonio culturale. Sono parole che abbiamo sempre sentito, fin da bambini. Oggi il dialetto è parlato purtroppo solo da pochi e si sta perdendo la tradizione della lingua dialettale. Le nuove generazioni non lo parlano praticamente più. Tenere vive alcune parole, le più conosciute e riconoscibili è importante”.
Il riminese è pigro dal punto di vista semantico e sintattico. Cananzi lo scriveva nel 1993: “Ti guarda, ti riconosce e ti dice: Allora?, che vuol dire: «Ciao, come stai? La famiglia tutti bene? Il lavoro, cosa fai, che non ti si vede mai in giro?». E l’altro, se è riminese pure lui, risponde: «Così, veh!», che alla lettera significa: «Sto così, guarda. Sai come va il mondo: la vita è dura per tutti, va tutto bene ma potrebbe andare meglio». Le vie di Rimini sono tutte un continuo di «Allora?» e «Così veh!”. È ciò che si può definire come Economia della Coinversazione”. Tin bota, pataca.

Tommaso Cevoli

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!