Il Ponte

Rimini, una partenza tra dubbi e perplessità

by

Un cantiere appena aperto. Con tanto lavoro (forse troppo) davanti e poco, pochissimo tempo a disposizione. Il tutto accompagnato da polemiche quotidiane. La nuova stagione del Rimini non inizia sotto buoni auspici, con pochi tifosi alla partenza per Sant’Agata, con giocatori tutti da valutare (anche i vecchi) e con otto “fuori rosa”. Unica nota positiva l’ingresso in società dell’imprenditore italo-americano Nicastro che ha acquistato il 30% delle quote. “Ci sono una serie di step che prevedono entro la fine del campionato ulteriori quote – svela il presidente Giorgio Grassi – naturalmente legate all’osservanza di quanto stabilito nel preliminare che abbiamo firmato. Posso affermare che si tratta di una vendita che è nell’interesse del Rimini per il futuro: con Nicastro c’è stata una sintonia assoluta”. Grassi che in queste settimane è stato nel mirino della critica, con i tifosi che lo hanno pesantemente contestato. “Ogni estate c’è qualcuno che deve essere sbattuto in prima pagina come il mostro del momento, ma io a questo gioco non ci casco”. Rimini che, nel frattempo, ha un nuovo allenatore e un nuovo Direttore Sportivo. Si tratta rispettivamente di Renato Cioffi e Rino D’Agnelli. Non c’è più Mario Petrone, l’uomo al quale Grassi, lo scorso 27 marzo, aveva consegnato “le chiavi della squadra. Mario è una mia scelta ed è l’uomo che cercavo”. Peccato che dopo quattro mesi gli scenari si siano stati stravolti, probabilmente perché Petrone non è uomo di Nicola Penta, l’intermediario (contestatissimo) tra Nicastro e Grassi stesso. “Dispiace per Mario, che tra le altre cose è anche un amico – dice il nuovo allenatore biancorosso – quello che chiedo alla piazza è di non giudicarmi per sentito dire, ma solo sul campo. Siamo molto indietro, ci vorrà pazienza. Il mio modulo? Il 3-5-2. Voglio solo giocatori motivati”.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!