Il Ponte

Rimini, è qui la festa alla Settima Arte

by

Dici Rimini e pensi cinema. Lasciamo in pace Fellini, una volta tanto. Il recente libro di Miro Gori (Rimini nel cinema) potrebbe venirci in soccorso, ma non solo e non compiutamente. Qui il riferimento è a manifestazioni come “Riminicinema” e “Adriatico Cinema”, specie la prima ha rappresentato una tappa importante anche in ambito nazionale. Senza dimenticare le esperienze (eccellenti) di “Round”, improntate al cinema più indipendente (oggi purtroppo defunto), e quelle ancora attive come “AmarCort Film Festival” e Cartoon Club.

Insomma, siamo nel solco dei festival, delle feste e delle manifestazioni sul cinema e di cinema. Ed è in questo ambito che si inserisce “La settima arte”, la tre giorni ideata da Confindutria Romagna, Khairos Srl e Università di Bologna, in programma dal 3 al 5 maggio ma che si inserisce nel calendario degli eventi di “Verso il 2020: 100 anni di Fellini”. Anzi, “è una preview di ciò che dovrà accadere in città con quell’anniversario” assicura il sindaco Andrea Gnassi.
“La settima arte” non è un festival, nel senso più tradizionale del cinema, ma una festa che sin dal sottotitolo dichiara il suo ambito: “Cinema e Industria”. E che nessuno si scandalizzi del binomio che la manifestazione intende “proiettare”. “E’ una manifestazione culturale e corale. – prova a spiegarne il senso Elena Zanni, direttrice di Khairos – Presentazione di libri, masterclass, conferenze e naturalmente proiezioni di film. Un’iniziativa che apre la città e con uno sguardo internazionale”. Un esempio? La mostra “David Linch. Dreams. A tribute to Fellini”, in anteprima per l’Italia, dopo il grande successo ottenuto in Svizzera.

Tra gli organizzatori c’è l’Università. Perché? “La terza missione dell’ateneo è fare cultura al di fuori delle mure dell’università stessa. – è Roy Menarini a parlare, e ne ha tute le ragioni, lui docente di Cinema e Industria culturale al Campus di Rimini – Già lo facciamo con il corso monografico su Fellini, l’annuale convegno felliniano con la Cineteca e altre iniziative con il Cinema Fulgor. La settima arte è un’altra iniziativa ottima per la crescita culturale del territorio”. Rimini come punto di incontro tra cinema e industria? “Credo che oggi non ci sia in Italia una città più adatta di Rimini a ospitare una festa del cinema che è una festa del fare cinema. – non ha dubbi il sindaco di Rimini Andrea Gnassi – La pellicola intesa come opera d’ingegno collettivo e non solo come intuizione superomistica del genio.

E’ in perfetta sintonia questa inedita, bellissima, iniziativa con gli investimenti che Rimini sta facendo sui contenitori culturali e in particolare sull’eredità geniale di Federico Fellini”. “Questa tre gironi sarà l’occasione per confrontarsi e fare cultura. – rilancia Paolo Maggioli, presidente di Confindustria Romagna – Il tutto mettendo al centro le persone e le professionalità che andremo a premiare con il riconoscimento di Confindustria romagna a chi si è distinto per il lavoro svolto nella filiera”. Tra le tante iniziative previste da “La settima arte” c’è infatti anche il Premio di Confindustria Romagna “Cinema e Industria”, che sarà attribuito alle figure che si sono distinte nell’universo delle professioni che caratterizzano il settore.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!