Il Ponte

Rimini ai lavori forzati: tre gare in sette giorni

by

Sei punti in tre gare. Con due vittorie interne e una sconfitta sul campo ‘amico’ di San Benedetto del Tronto. Un percorso più che soddisfacente quello del Rimini che piano piano sta uscendo dalla zona calda della classifica: ora il Fano, infatti, si trova a -5. Una distanza che per carità non è da pantofole e bicchiere di vino in mano, ma significa quasi avere due partite di vantaggio. Ma il doppio scontro con Albinoleffe e Monza ha detto anche un’altra cosa, che questa squadra non molla di un centimetro fino alla fine e i due gol arrivati sui titoli finali sono lì a dimostrarlo (in foto l’esultanza di Volpe autore della rete vincente contro i brianzoli).

Adesso arriva un’altra settimana calda, l’ennesima di questa prima parte di stagione, con tre partite in sette giorni. Si inizia sabato, alle 14.30, con la Vis Pesaro, un derby che torna dopo diversi anni e sentitissimo dalle due tifoserie. Proprio per questo è stato deciso di anticiparlo. La Vis dell’ex amministratore delegato del Santarcangelo Vlado Borozan è la grande sorpresa del campionato: i biancorossi, infatti, sono attualmente al quinto posto con i loro 27 punti.

E attenzione perché se si guarda la classifica delle gare esterne, al momento sarebbe seconda solo al Pordenone (16 punti contro 14). Il 26 dicembre, invece, giorno di Santo Stefano, Brighi e compagni saranno di scena sul campo di un Renate che tra le mura amiche ha un rendimento nettamente insufficente: sette punti sui ventisette totali. Giusto il tempo di tornare a casa e il 29 si inizia la seconda parte della stagione: il ‘Neri’ aprirà le sue porte alla Ternana dei tanti ex che vorranno fare andare di traverso il Capodanno ai biancorossi.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!