Il Ponte

Rattoppi

by

È possibile attivare il lettore automatico selezionando la parte di testo interessata

Uno dei centomila motivi che rendono unico il nostro paese è che un anno ti trovi ad andare a votare in infradito e l’anno dopo ci vai coi Moonboot. Dell’atipica campagna elettorale di queste elezioni politiche marzoline abbiamo già ampiamente parlato. E uno degli effetti, causa tempi stretti e stagione non propizia, è stata anche la quasi totale assenza del rituale del taglio del nastro, che invece sotto elezioni per tradizione tende a moltiplicarsi esponenzialmente. Certo, le amministrazioni di qualsiasi colore ci hanno tenuto a far presente i loro impegni, progetti, attività, risultati. Perché tutte sono le amministrazioni «del fare», differenziandosi quindi da quelle del solo «dire» (ma anche da quelle del «baciare», «lettera» e «testamento»). E in molti hanno assicurato che in primavera di cantieri in partenza, in travolgente avanzamento o in conclusione, ce ne saranno quanti se ne vogliono. Anche per rassicurare gli umarell che in questi giorni sono purtroppo costretti a stare al chiuso. E a nessuno è venuto per fortuna in mente di fare un simbolico taglio del nastro per ogni buca in strada riparata in questi giorni. I rattoppi vanno bene anche senza taglio. Grazie.

Il Caffè Scorretto di Maurizio Ceccarini

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!