Il Ponte

Questa Campanella suona la ricreazione in tv

by

Trentasette anni, e ancora non accenna a smettere di… suonare. È “La Campanella”, il gioco delle scuole superiori di Icaro TV che ha appena alzato il sipario sull’edizione 2020, lo scorso 4 febbraio con la sfida tra il Liceo Marconi di Pesaro e l’Istituto Belluzzi-Da Vinci di Rimini. In diretta tutti i martedì dalle 21:15 alle 23 su Icaro TV (canale 91), oltre che in streaming su icaro.tv e la pagina Facebook La Campanella, vede quest’anno sfidarsi 9 scuole, divise in tre gironi: i tre migliori istituti, assieme alla miglior seconda, si qualificheranno alle semifinali, fino ad arrivare alla finalissima.
Questo format tutto locale è il “campanile” per eccellenza degli istituti superiori del territorio, quello la cui vittoria vale un anno di allegri sfottò nei confronti degli avversari. In due parole, è “La Campanella”, la storica trasmissione televisiva nata nel 1982 su Telegabbiano.
Diverse le novità 2020, a partire dalla location: il nuovo teatro ‘Marilena Pesaresi’ a San Lorenzo in Correggiano. “Anche quest’anno siamo molto felici di partire. – spiega Roberto Bonfantini, conduttore del programma assieme allo storico, veterano della trasmissione Otello Melucci – E siamo anche felici per le diverse novità che possiamo proporre. Ad esempio la partnership con il Comune di Rimini, che non solo rinnoviamo con piacere, ma che raddoppiamo: anche quest’anno, come nell’edizione scorsa, tratteremo il tema della mobilità sostenibile, che riteniamo molto importante, che andrà ad aggiungersi alle tematiche del educazione alimentare e dell’alimentazione biologica, per le quali è importante coinvolgere i più giovani”. Le partnership non si fermano qui: tutti i ragazzi delle scuole partecipanti al programma indosseranno delle magliette, gialle e blu, firmate SGR.
Una campanella… interattiva
La vera novità di quest’anno è la possibilità di giocare anche per chi segue il programma da casa, comodamente seduto sul divano. “Da quest’anno è possibile giocare da casa e interagire con la puntata. Come? Utilizzando il programma Kahoot!, molto conosciuto dai ragazzi perché utilizzato nella didattica scolastica: basterà iscriversi utilizzando un apposito codice e mettere davanti al proprio nome l’iniziale della scuola per la quale si vuole giocare (oltre a poter partecipare a titolo personale, senza schierarsi con le scuole). A fine puntata, in base ai risultati dei giocatori da casa, daremo dei punti aggiuntivi alle scuole, che potranno portare alla vittoria”. Novità anche in cucina: la prova prevede non solo piatti della tradizione romagnola, ma un vero e proprio viaggio nelle ricette di ogni regione d’Italia.
Stimolare un cambio culturale
Grazie al gioco e alla visibilità del programma, è possibile puntare l’attenzione su temi importanti, soprattutto per i più giovani. “La collaborazione con La Campanella – spiega l’Assessore Roberta Frisoni – è un’iniziativa importante nell’ottica di favorire un cambio culturale per quanto riguarda il tema della mobilità sostenibile, molto caro al Comune di Rimini”. E non solo: “Importante anche il tema dell’educazione alimentare. – aggiunge Mattia Morolli, assessore alla Scuola – Riteniamo sia giusto un forte investimento sull’educazione al mangiare e vivere sano. E, per farlo, abbiamo ritenuto che La Campanella fosse uno dei contenitori migliori”.
Le borse di studio
Questo gioco tra le scuole superiori sottolinea anche lo sguardo al futuro dei giovani. SGR e RivieraBanca, entrambi partner del programma, hanno deciso di mettere in palio due borse di studio. La prima, quella di SGR, andrà alle scuole classificate come prima e seconda al termine dell’edizione del programma; la seconda, di Riviera Banca, andrà alla scuola il cui video, pubblicato sul profilo Instagram della banca, riceverà più like.

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

“ilPonte” percepisce i contributi pubblici all’editoria.
“ilPonte”, tramite la Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Pubblicazione dei Contributi Pubblici

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!