Il Ponte

Il presepe di Alberto, nel primo Natale di Rimini dopo la guerra

5.00

autore: Francesco Lambiasi, Vescovo di Rimini
Illustrazioni: suor Mariarosa Guerrini
editore: ilPonte
numero pagine: 24
stampato: novembre 2014
prezzo: 5 euro
informazioni: redazione@ilponte.com

Richiedi ora

Descrizione

Tanti, tantissimi anni fa… Rimini, 25 novembre 1944. Mancava un mese esatto al Natale. Anche quella sera il giovane Alberto (Marvelli) rientrò a casa molto tardi. La mamma era rimasta a lungo in piedi ad aspettarlo. Finalmente se lo vide comparire davanti, stanco e infreddolito, senza scarpe, senza giacca e senza bici. Le scarpe e la giacca le aveva date a un povero papà di famiglia che aveva visto incamminarsi a piedi scalzi alla volta di Vergiano.

Ma Alberto era tornato a casa anche senza bici: l’aveva data a un altro papà trovato lungo la strada, con la sua vecchia bicicletta spezzata in due, perché gli si erano rotti i freni ed era andato a sbattere contro un grosso albero. Quella sera Alberto era molto triste: la città era stata liberata dai nazifascisti due mesi prima, ma era ridotta a un cumulo di macerie: tantissime case abbattute dai bombardamenti, chiese diroccate, fabbriche e scuole ancora chiuse, ospedale quasi completamente distrutto. Dappertutto, devastazione, dolore e morte.

Ad Alberto era stato affidato l’incarico di provvedere agli alloggi e alla ricostruzione dell’intera città, ma l’impresa stava diventando di giorno in giorno sempre più faticosa e sofferta, quasi impossibile. Eppure bisognava farcela! Un po’ di coraggio Alberto l’aveva trovato anche quel giorno in due persone, con cui cercava di tenersi strettamente in contatto: Gesù, che riceveva quotidianamente nella Messa, e il Vescovo Luigi che non mancava mai di rivolgergli parole di fiducia e di speranza. Quella sera il Vescovo gli aveva detto: “Caro Ingegnere, tra un mese sarà Natale. Quest’anno, ora che è passata la guerra, dobbiamo fare proprio un bel presepe in piazza”.

Allora, stavo dicendo che quella sera Alberto era talmente stanco e sfinito che gli era passata anche la fame. Si scusò con la mamma e, dopo aver recitato le preghiere della sera, si mise a dormire. E cominciò a sognare…

  Il presepe di Alberto, nel primo Natale di Rimini dopo la guerra – Il ricavato di questo volume sarà devoluto ai bambini dell’ospedale di Mutoko (Zimbabwe), diretto dalla dottoressa riminese Marilena Pesaresi

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il presepe di Alberto, nel primo Natale di Rimini dopo la guerra”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!