Il Ponte

Guida breve per la chiesa riminese di Sant’Agostino

5.00

autore: Pier Giorgio Pasini
fotografo: Luciano Liuzzi
editore: ilPonte
numero pagine: 32
stampato: luglio 2007
prezzo: 5 euro
informazioni: redazione@ilponte.com

Richiedi ora

Descrizione

La chiesa di Sant’Agostino è la più grande della città e della diocesi di Rimini, e l’unica che, almeno all’esterno, conserva ancora un carattere architettonico medievale. Le sue alte mura perimetrali sono formate da cortine laterizie ritmate con regolarità da sottili lesene e sono coronate da una doppia cornice ad archetti; si presentano piuttosto tormentate, recando molte tracce di vecchie aperture e di posteriori aggiunte edilizie. L’aspetto attuale è dovuto ai restauri e all’isolamento operati negli anni venti e trenta del Novecento.

La parte meglio conservata e più suggestiva è quella dell’abside e del campanile (alto ben 55 metri), di forme moderatamente gotiche. I portali in pietra appartengono al XVII e XVIII secolo, e sono sormontati entrambi da un’aquila che è il simbolo “apocalittico” di san Giovanni evangelista. La chiesa è sempre stata dedicata a san Giovanni evangelista; ma, essendo appartenuta agli Eremiti dell’ordine agostiniano, veniva e viene comunemente detta di sant’Agostino.

Come i fianchi anche la facciata mostra molte tracce dei rimaneggiamenti subiti nel corso dei secoli; originariamente doveva essere assai diversa, con tre occhi o rosoni al centro e forse con archivolti sepolcrali ai lati del portale. Un “ricordo” di questi ultimi può essere ritenuta la tomba di Giovan Battista Paci, cavaliere di Santo Stefano, del 1618, a sinistra del portale.
La costruzione è databile agli ultimi decenni del Duecento ed è dovuta agli Eremitani di sant’Agostino, ai quali nel 1256 era stata concessa l’antica e modesta chiesa parrocchiale dedicata a san Giovanni evangelista, posta proprio al centro della città. Dopo aver acquistato le case e i terreni contigui fino ad occupare tutto l’isolato, gli Eremitani la ricostruirono molto più grande, forse a partire dal 1287, quando riuscirono a concludere positivamente una vertenza con la vicina parrocchia dei santi Giovanni e Paolo, cui era stata sottratta una buona parte del territorio di competenza.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Guida breve per la chiesa riminese di Sant’Agostino”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri contatti

via Cairoli 69

0541 780.666

redazione@ilponte.com

Newsletter

Rimani sempre aggiornato!

Seguici

Back to Top
Click to listen highlighted text!